Tempo e stress nella professione: il valore di un giorno al mese

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Certo, un giorno al mese non cambia la vita, ma può essere il primo passo per migliorare (al contrario di ciò che si possa pensare) la propria efficacia in ufficio e prendersi allo stesso tempo un po’ di cura di sé. Proviamo a pensare quanto tempo ciascuno di noi dedica a se stesso e basta. Intendo, solo a se stesso, in una sacrosanta e rigenerante solitudine, senza pensare al lavoro, alla famiglia, agli impegni? Passiamo giornate intere insieme agli altri, dove siamo il più delle volte comparse che devono reggere una parte, indossare i panni e recitare un copione che nella migliore delle ipotesi ci siamo scelti nei contenuti ma non nei ritmi.

Sarebbe bello così, una volta al mese, poter passare una giornata intera insieme a noi stessi e basta, per ridare spazio e profondità al senso di ciò che stiamo facendo. Diceva Nietzsche che “la felicità non è fare tutto ciò che si vuole, ma volere tutto ciò che si fa”.

Molti ritengono che è impossibile nella propria attività prendersi un giorno (non di sabato o domenica) interamente dedicato a sé: sento dire che sarebbe bello, ma non praticabile in concreto per il tipo di attività, per l’organizzazione familiare, per la tipologia di clienti dello Studio e così via. Altri, invece, amanti del tutto o niente, di fronte a questa possibilità storcono il naso dicendo che non serve a nulla un giorno al mese. Ma sarà così?! Ogni cambiamento inizia con un primo passo e questo lo è. Non esiste nulla in concreto che ce lo impedisca, se non noi stessi. Siamo noi stessi che ci poniamo questi paletti, che non ci concediamo una valvola di sfogo ogni tanto e pensiamo che il tempo sia una scatola fatta per essere riempita. Non bisognerebbe dimenticare che la qualità di vita dev’essere il modo in cui conduciamo il nostro viaggio e non la meta del nostro viaggio che, così facendo, probabilmente non arriverà mai.

Alcuni professionisti al solo pensiero di concedersi (tradotto, “perdere”) un giorno di lavoro provano sensi di colpa o un senso di irresponsabilità. Programmare una giornata fuori dagli schemi, non produttiva (nel senso stretto del termine), non aderente a quanto siamo abituati a fare quotidianamente, è invece salutare, non foss’altro per la rottura di schema che attua; cominciamo così ad allenare la capacità di fare cose nuove, di vedere da altre prospettive e di distanziarci dalla quotidianità in modo da permettere alla nostra mente di ridurre la pressione a cui (come una pentola a pressione, appunto) è costantemente sottoposta.

Insomma, scendere da quell’ottovolante o giostra, come amano ripetere avvocati e commercialisti nei percorsi di coaching che conduciamo insieme, riferendosi alle loro giornate frenetiche, è un vero problema per molti. Eppure non c’è nessun giostraio con in mano l’interruttore che possa decidere la durata, l’inizio e la fine di questa giostra. Quel giostraio a cui attribuiamo tante malefatte e a cui indirizziamo accidenti ad ogni pie’ sospinto, in realtà, siamo noi stessi.  Buffo, vero? Invece di essere il nostro miglior alleato, a volte ci ritroviamo ad agire come il nostro peggior carceriere.

Il viaggio della giornata si riduce spesso nell’arrivare “vivi” a fine giornata, già questo – come molti professionisti mi ripetono – è un buon risultato con i tempi che corrono.

Ma torniamo al progetto di un po’ di tempo tutto per noi. Prendete l’agenda e andate sul mese che avete davanti (il mese successivo a quello in corso). Ebbene, a colpo d’occhio potete già vedere quali sono i giorni liberi da impegni, quelli cioè che non avete ancora riempito di incombenze, incontri, attività. Non considerate i week end, ma solo i giorni della settimana lavorativi. Immaginate quale di questi giorni vi piacerebbe tenere libero, tutto per voi. Segnate in corrispondenza di quel giorno “Per me”. Quello è il giorno del mese dedicato a voi: palestra, sauna e massaggio; shopping; passeggiata al mare; ore in libreria; sdraiati sul divano ad ascoltare musica…ciascuno troverà ciò che piace e che considera solitamente un “lusso”, ai limiti della perdita di tempo (perché apparentemente non  produttivo secondo la solita logica quantitativa): ecco proprio quello dovrà riempire la vostra giornata di relax. E basta. Siate categorici sul fatto che nessun evento potrà essere più importante, che l’appuntamento con voi stessi è fondamentale e improcrastinabile. Resistete alla tentazione che si presenterà più volte di sostituire l’impegno preso con voi stessi con un altro sopravvenuto con un cliente e che ritenete importante. Una volta spostato, quel giorno per voi, non lo recupererete più. Voi siete il vostro miglior cliente!

All’inizio crea un po’ di disorientamento. “Ma come, con tutti gli impegni che ho, vado a sprecare così un giorno?”. Mille di questi pensieri vi si affolleranno nella mente. Avete con voi l’antidoto a tali pensieri: rispondetevi che non è tempo perso! Anzi, è il modo migliore per scaricare le tensioni e ricaricare le batterie. È il momento di relax vero, utile a prendere le distanze dalla quotidianità, a fare il punto della situazione, a lasciare libera la mente di fare le proprie considerazioni, di avere pensieri sparsi. È il momento migliore per generare nuove idee, per sistemare quelle che da tempo aleggiano nella vostra mente, ma a cui non avete mai tempo da dedicare.

Quella giornata cosa faremo dunque? Tutto ciò che davvero ci piace, abbiamo detto. Anche cose molto semplici. Niente impegni o commissioni. Non va riempita quella giornata, va gustata.

Buona giornata, dunque.

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).