Studio professionale: 7 regole per gestire lo stress sul lavoro

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Indice dei contenuti

CHE COS’È LO STRESS INNANZITUTTO? E POI, È SEMPRE UN RISCHIO?

Lo stress indica uno stato di tensione in cui si viene a trovare l’organismo in risposta a sollecitazioni di eventi-stimolo percepiti come stressori. Uno stimolo, pertanto, non è fonte di stress di per sé, ma in relazione a come viene percepito ed interpretato dal singolo soggetto, quindi in relazione alle caratteristiche fisiche e psicologiche di ciascuno. Ciò che può essere stressante per uno di noi non lo è per un altro. Quando l’organismo percepisce come stressori determinati stimoli mette in atto un processo di coping, vale a dire una serie di risposte, alcune immediate ed inconsce, altre più “ponderate” e filtrate da considerazioni di tipo cognitivo, quali l’opportunità sociale, la vergogna ecc. Il medico austriaco Hans Selye definì nel 1936 lo stress come “Sindrome Generale di Adattamento” che si sviluppa in tre fasi: allarme > resistenza > esaurimento.

COME FUNZIONA LO STRESS

In sostanza l’organismo reagisce ad uno stimolo stressante entrando in allarme, quindi cerca di opporre una resistenza a tale modificazione del proprio stato di equilibrio che l’evento-stimolo va a modificare per poi tentare di adattarsi e ritrovare così un nuovo equilibrio. Il tentativo di adattamento all’ambiente esterno è fondamentale per la sopravvivenza e questo l’uomo primitivo lo sapeva bene; tuttora, nonostante le diversità ambientali in cui ci troviamo a vivere, i meccanismi biologici che garantiscono la sopravvivenza della specie permangono. Laddove l’organismo non riesca in questo tentativo di affrontare l’evento per poi riportare l’equilibrio ecco che quella che doveva (utilmente, si parla infatti di eustress) essere una situazione transitoria di stress permane nel tempo come se fosse la nuova condizione, diventando così distress cronico, un fattore di rischio, appunto per la salute fisica e mentale che può fare da catalizzatore per altre patologie. In sostanza, è come se vivessimo costantemente in allarme e sollecitati pur in assenza di specifici stimoli stressanti.
In questa situazione, in cui buona parte di noi si trova a vivere, e in particolare chi ha ritmi di lavoro sostenuti (professionisti, imprenditori, manager, ma non solo, anche impiegati, casalinghe e gli stessi giovani), può essere utile l’ausilio di un coach per fare il punto della situazione con se stessi, prendere coscienza del proprio stile di vita e apportare piccoli o grandi cambiamenti di prospettiva e di comportamento utili ad affrontare con maggior equilibrio e positività il lavoro e la vita privata. Spesso – non dimentichiamo – l’incidenza di un evento sulla propria vita dipende più dalla percezione che ne abbiamo e dall’interpretazione che ne diamo. Qui gioca un fattore importante:

.

  1. il dialogo interno (la vocina con cui ci parliamo costantemente nella nostra testa), l’atteggiamento positivo (quindi la capacità di vedere le opportunità e il “bicchiere mezzo pieno”);
  2. la linguistica (le parole e i termini che utilizziamo per definire le situazioni, non dimentichiamo che le parole sono àncore di stati emotivi, per cui parlare di “errore” e di “esperienza” ha due effetti diversi sul nostro stato d’animo, parlare di “problema” e di “sfida” pure);
  3. non da ultimo, importante è la capacità di vivere con humor, in modo da saper prendere le distanze dalle situazioni e “disinnescarle” prima che ci travolgano emotivamente.

ECCO 7 ABITUDINI CHE SAREBBE BENE ADOTTARE PER GESTIRE LO STRESS

  • 1) mantenere uno stile di vita sano (attività fisica, alimentazione corretta, riposo adeguato);
  • 2) ricordarsi di ridere ogni giorno e di adottare il pensiero positivo;
  • 3) mantenere attiva una rete di relazioni sociali per ricaricare le batterie;
  • 4) sviluppare la mentalità di problem solving, focalizzandoci più sul “come” risolvere una situazione che sul “perché” è capitata proprio a noi;
  • 5) sviluppare la capacità di pianificare adeguatamente il proprio tempo riservandoci sempre del tempo per “staccare” e rigenerarci;
  • 6) sviluppare forme di comunicazione assertiva, in modo da entrare in empatia con i nostri interlocutori e imparare a comunicare efficacemente non solo a livello cognitivo ma anche emotivo;
  • 7) imparare a gratificarci dopo un successo, piccolo o grande che sia.

VUOI ACQUISIRE NUOVE COMPETENZE MANAGERIALI?
ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO “MASTER IN BUSINESS

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Cos’è la felicità? Pensiamo troppo e sentiamo poco



Risorse correlate

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).

    1. Comunicazione efficace
    2. Gestione del tempo
    3. Gestione dello stress
    4. Leadership

    5. Team efficace
    6. Negoziazione efficace
    7. Public speaking
    8. Presentazioni efficaci