Studi professionali: come comportarsi quando i propri clienti sono Flintstones?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Indice dei contenuti


Si si, tutto bello, ma i miei clienti sono fermi al fax…

È vero che le cose cambieranno, ma per il momento i miei clienti amano ancora ricevere la carta…

È vero che l’App per lo Studio sarebbe utilissima, peccato che i miei clienti non usano gli smartphone e hanno 70 anni…

Queste sono alcune delle osservazioni che mi sento spesso fare dai partecipanti ai corsi, oppure nel coaching o nella consulenza strategica per sviluppare business nello Studio professionale.

I miei clienti sono fermi all’epoca della pietra

Moltissimi studi professionali lamentano il livello ben poco tecnologico e la pigrizia mentale della propria clientela. Insomma, descrivono la propria clientela degna di un episodio dei famosi fumetti americani i Flintstone, appunto, ambientato all’epoca della pietra tra uomini primitivi.

Capisco perfettamente la situazione e immagino il disagio che debba vivere chi – come lo Studio professionale – si colloca a metà tra spinte di cambiamento e immobilismo delle abitudini.

È comprensibile sentirsi disorientati e non sapere bene come muoversi: comincio a sostituire la vecchia e polverosa newsletter di Studio con l’App? Comincio ad utilizzare Twitter per comunicare con i miei clienti (e non solo), oppure sto solo perdendo tempo, perché tanto nessuno lo utilizzerà mai? Investo sull’area riservata del sito per lo scambio di documenti, oppure è inutile, perché il cliente pigro vuole ricevere tutto sulla email, o addirittura in ufficio?

Insomma, quale atteggiamento è meglio tenere in questa fase di transizione tra un mondo “vecchio” e uno “nuovo”?

A cavallo tra due mondi

È una bella sfida, se ci pensate, essere un professionista oggi. I nostri genitori non hanno certo vissuto questa situazione (ne hanno però avute altre di sfide da affrontare): venti anni fa (anche solo dieci) non ci si poneva certo il problema se dare o meno il cellulare al cliente, oppure se inviargli i documenti via email, WhatsApp o App. Tanto meno ci si poneva il problema se fare o meno un sito Internet per lo Studio, o se impostare una comunicazione per alimentare il business (il passaparola viaggiava motu proprio).

Poiché la realtà non è quella che vorremmo, ma quella che è, prendiamo atto della situazione e cerchiamo di fare scelte strategiche, quindi per noi utili ai fini business.

Ricordiamoci che il business development non è solo l’attività che permette di acquisire nuova clientela, ma anche l’attività che permette di ottimizzare i costi, di fidelizzare la clientela già in portafogli e che permette di aumentare le performance dello Studio.

Dunque, se io come professionista sono sensibile al cambiamento, alle nuove tecnologie, ad Internet, ai nuovi strumenti di comunicazione e di lavoro in ambito professionale, e i miei clienti no, che fare? Se io voglio innovare, riorganizzare, e i miei clienti sono fermi al palo (tecnologico), che fare? Assecondarli o no?

Ragioniamo insieme…

Beh, una risposta che vada bene per tutte le stagioni non c’è ovviamente, proviamo però a fare alcune considerazioni insieme:

  • i clienti vanno educati: quindi anche ai cambiamenti e all’uso di nuove tecnologie;
  • i cambiamenti devono avvenire poco alla volta: altrimenti creano ansia, paure e alzano barriere difensive;
  • i cambiamenti modificano un equilibrio preesistente: quindi dobbiamo mettere in contro che ci sarà sempre un periodo di passaggio da gestire in cui qualcuno si lamenterà;
  • non si può non cambiare: noi possiamo solo scegliere di cambiare in meglio o in peggio; non possiamo scegliere “se”, ma solo “come”,
  • il trend è verso una tecnologizzazione di tutto: restare al fax potrebbe essere rischioso per il nostro business;
  • le nuove tecnologie sono una grande opportunità: bisogna però conoscerle per saper scegliere e saperle utilizzare;
  • il web rappresenta ogni giorno di più uno strumento indispensabile per lavorare e fare business: starne fuori vuol dire decidere di rimanere indietro e in disparte;
  • in prospettiva i clienti saranno sempre più tecnologici (anche perché man mano avanzerà la generazione nativa digitale) e sempre meno i Flintstones: quindi non ci possiamo basare su questi ultimi per le nostre scelte;
  • i nostri competitors saranno sempre più moderni e tecnologici: quindi dobbiamo lavorare per essere anche da questo punto di vista competitivi.

Spero di aver fornito utile materiale di riflessione.

Cosa fare dunque?

La mia opinione su questo tema è che i clienti vanno sempre curati, tutti, e quindi è necessario in questo momento di passaggio distinguere nella nostra clientela tra chi può fare un salto tecnologico e chi invece (per età, cultura, situazione) no.

Affiancherei vecchi e nuovi strumenti in quest’ottica, così da graduare il passaggio da vecchie modalità (il fax, per esempio) a nuove (l’area riservata del sito o l’App).

Comincerei a creare nello Studio nuove competenze (teoria e pratica) su questi argomenti mettendovi mano al più presto, in modo da arrivare preparati al salto completo da un mondo all’altro che, inevitabilmente, ci aspetta.

Il Master Class Business è dedicato a  questi temi: allo sviluppo del business per lo Studio professionale e agli strumenti e le strategie per fare business oggi.

Buon lavoro e spero di vedervi in aula per parlarne insieme!

Risorse correlate

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).