Social responsability e studi professionali

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Tutti abbiamo sentito più volte parlare di responsabilità sociale, social responsability in inglese. Se però chiedete alle persone di cosa stiamo parlando, la reazione sarà di difficoltà nel chiarirne il significato. Molti risponderanno che corrisponde con il pro bono, cioè le attività di beneficienza che si fanno, oppure che corrisponde con il prendersi cura del prossimo. Risposte che non sono sbagliate, intendiamoci, ma che non chiariscono in modo completo e preciso il concetto di “social responsability”.

I TRE FATTORI DELLA SOCIAL RESPONSABILITY

La social responsability viene realizzata nel mondo del business, impresa o professioni, quando esiste un equilibrio tra due crescite: la crescita economica dell’azienda e la crescita corrispondente della società. I due fattori, benessere individuale e sociale, devono correre di pari passo perché vi sia armonia. Ed ecco dunque i tre fattori che compongono la responsabilità sociale:

  1. Benessere (e crescita);
  2. Equilibrio;
  3. Armonia.

APPROFONDISCI L’ARGOMENTO SUL MIO ULTIMO LIBRO
IL FUTURO DELLE PROFESSIONI IN ITALIA
EDITO DA TELECONSUL (SETTEMBRE 2020)

BENESSERE E CRESCITA

L’essere umano tende al piacere e al benessere. La felicità, da ciascuno intesa con contenuti soggettivi, è la meta cui tutti tendono. Ciascuno agisce per realizzare il proprio progetto che dovrebbe portarlo vicino a quel benessere che desidera. La sequenza delle scelte, i suoi risultati e l’esperienza prodotta rappresentano il percorso di crescita economica, umana e professionale di ogni attore di questa partita. Il punto è che non esistono scelte senza un prezzo da pagare; ad ogni azione seguono conseguenze e spesso queste conseguenze e il prezzo da pagare non ricadono immediatamente su chi le compie, ma sul contesto in cui vengono compiute: altre persone (società), l’ambiente (green) e addirittura su soggetti che ancora non sono parte della partita, ma lo saranno in un prossimo futuro (le generazioni a venire).

Nasce così la necessità di riportare in equilibrio l’asticella, dove le responsabilità è giusto e utile che ricadano su chi compie le scelte innanzitutto. Ecco che nasce il problema etico e poi economico, ambientale, sociale, di fare in modo che siano le aziende ad occuparsi di curare le conseguenze negative del loro agire a livello sociale, ambientale, economico. Se questo discorso è già in atto da tempo per le aziende (pensate ai produttori che generano scorie inquinanti, oppure a chi fa largo uso di plastica, o ancora chi immette nei processi produttivi veleni nell’aria etc.) è invece agli albori per gli studi professionali che, svolgendo un lavoro intellettuale, si stimava non producessero effetti negativi conseguenti alla propria attività.

ANCHE LO STUDIO PROFESSIONALE HA LE SUE RESPONSABILITÀ

Ora che il pianeta rischia il collasso ambientale, le diseguaglianze sociali sono aumentate e il lavoro è diventato sempre più pervasivo come modalità, ritmi e stress, ecco che anche gli studi professionali sono chiamati ad occuparsi di temi riguardanti la social responsability.

Uno studio professionale inquina l’ambiente nel momento in cui usa i bicchieri di plastica in ufficio, oppure le bottigliette di plastica dell’acqua; allo stesso modo inquina quando i propri collaboratori per raggiungere il luogo di lavoro devono utilizzare l’automobile, o negli spostamenti per andare a fare le riunioni dai clienti. Lo studio professionale inquina quando utilizza l’energia elettrica, che dev’essere da qualche parte prodotta, così come ha un impatto ecologico nel momento in cui utilizza la carta per stampare i documenti di lavoro, oppure nell’uso sconsiderato delle email, dimenticando che ogni email inviata produce CO2.

Lo studio professionale ha collaboratori e dipendenti, i quali hanno una vita privata e i ritmi del lavoro oggi si sa che sono frenetici. La responsabilità è dunque di garantire al proprio interno condizioni di lavoro soddisfacenti: tutela della maternità, uguaglianza di trattamento tra uomini e donne; percorsi di crescita per i giovani; flessibilità del lavoro, a cominciare dallo smart working.

Lo studio professionale opera in un contesto sociale e deve quindi non ignorare le condizioni ambientali intorno a sé, cercando di fare il possibile per restituire al mondo una parte della propria fortuna.

LEGGI ANCHE:
LA DIGITAL TRANSFORMATION DEGLI STUDI PROFESSIONALI

EQUILIBRIO

Perché tutto funzioni è necessario che esista un equilibrio tra i “danni” prodotti e le azioni poste in essere per eliminarne gli effetti e per contribuire alla crescita conseguente del contesto. La parola stessa “responsabilità” indica la capacità di sopportare le conseguenze (negative) di un’azione. Se cresce l’azienda oppure lo studio professionale e cresce anche la società tutto funziona; allo stesso modo se crescono i primi e l’ambiente ne trae giovamento, invece che impoverimento; idem se i primi crescono e anche i dipendenti migliorano le proprie condizioni di vita. In sostanza, ci dev’essere un rapporto win-win, tra gli attori della crecsita e il contesto intorno a loro.

ARMONIA

La conseguenza del procedere in equilibrio è che si raggiunge una crescita armonica, win-win, dove tutti traggono giovamento e non si creano situazioni completamente sbilanciate, che portano sempre e necessariamente alla crisi. Il concetto al centro dell’armonia è il “valore”: l’azione dell’azienda e dello studio professionale deve portare valore a tutti i soggetti coinvolti in modo diretto o indiretto e non gravare su alcuni che ne ricevono solo le conseguenze dannose.

ESG E MARKETING

Questi temi oggi rientrano nel moderno concetto di ESG, acronimo di Environmental Social Governance (Ambiente, Sociale, Governabilità) è una evoluzione del “Triple Bottom Line” degli anni ’90, centrato su “Persone, Pianeta, Profitti”, in cui si richiedeva alle aziende di non limitare ad occuparsi dei Profitti e basta, ma di considerare nelle loro scelte anche le persone e l’ambiente.

La funzione della ESG e più in generale di tutte le forme di responsabilità che realizzano in concetto di “sostenibilità”, è da un lato sostanziale – quindi garantire di fatto quell’armonia di cui abbiamo parlato – ma sta diventando anche un fattore distintivo, un elemento del business, un requisito “sine qua non” e una leva di marketing.

Ne parleremo più approfonditamente in prossimi articoli di questo blog e trattiamo queste tematiche in corso di formazione e nella nostra consulenza organizzativa per studi professionali e aziende. È dunque arrivato il momento per gli studi professionali anche più piccoli di mettere mano alle attività dirette a realizzare progetti di sostenibilità e a comunicare adeguatamente i propri valori e le azioni conseguenti compiute per realizzarli e portare valore alla collettività, intesa nel senso più ampio del termine.

VUOI ACQUISIRE NUOVE COMPETENZE MANAGERIALI?
ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO “MASTER IN BUSINESS“:
8 GIORNATE DI FORMAZIONE SU STRUMENTI
DI MANAGERIALITÀ E IMPRENDITORIALITÀ

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Business plan: questo sconosciuto negli studi legali


Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).