Sharing economy, cos’è? Il professionista “liquido” nel futuro della professione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

La chiamano sharing economy, l’economia di condivisione. Il possesso e la proprietà stanno cedendo il passo all’utilizzo e alla condivisione. In tutto il mondo è questo il trend in atto e lo tocchiamo con mano ogni giorno: il telefonino non si compra più ma si noleggia per l’uso (comodato e simili), la casa di vacanza si prende in condivisione per stagioni, l’auto si usa e paga a tempo (car sharing), la bicicletta pure (bike sharing). Il valore, sempre di più, è nel vantaggio che se ne ricava, nell’utilizzo, appunto. L’economia reale cede il passo all’economia di scambio o, meglio ancora, di condivisione.

Beni o servizi?

Leggiamo su Nova24 de Il Sole 24 Ore il valore stimato di questa economia del futuro, 572 miliardi di euro in Europa. L’attenzione al momento è focalizzata sullo sharing di beni di consumo o di beni immobili: si va dalla casa all’auto, dal telefonino, al servizio di cucina a domicilio. Possiamo cominciare a pensare che anche per le professioni intellettuali, mutatis mutandis, si addiverrà a qualcosa di simile. Se il valore non è più nel possesso del bene materiale, non lo sarà neppure nella titolarità del sapere, bensì nel suo utilizzo e nei benefici che da esso discendono.

I servizi professionali in condivisione

Così come sono già realtà i network professionali, dove professionisti anche a distanza condividono sapere, location, clientela al fine di valorizzare ciascuno la propria attività in un lavoro di squadra professionale finalizzato al risultato per il cliente, così potremmo immaginare tra qualche anno sarà la prestazione del proprio sapere pagata come tale. Detto in altre parole:

il cliente pagherà la prestazione il relativo risultato, più che il titolare della prestazione.

Mi rendo conto che per alcuni questa possa apparire fantascienza professionale, scenari che è meglio non ipotizzare, stravolgimento della professione e via dicendo, ma questa pare la direzione intrapresa. Tra 20 anni tutto questo sarà entrato nella nostra normalità.

Il professionista liquido

Per riprendere le definizione di “liquidità” del filosofo polacco Zigmunt Bauman (leggete i suoi libri, imparerete molto sul nostro tempo!) vedremo in futuro il nascere del “professionista liquido”.

Si pagherà la prestazione, non il prestatore.

Avere un ufficio diverrà opzionale, così come avere il radicamento su un territorio. Lavorare da soli sarà per pochi e la condivisione sarà la regola. La società sarà il laboratorio di ciascuno, la flessibilità il principio cardine dell’organizzazione, la velocità un imperativo e la qualità ciò che permetterà di rimanere o di essere espulsi dal mercato.
Chi dirigerà il tutto? Come tanti direttori d’orchestra, saranno i clienti: i professionisti, come ora le aziende, si adegueranno ai gusti, alle richieste, ai tempi.

Per chi non volesse tutto questo, ricordiamoci che c’è sempre la possibilità di aprire quel famoso baretto in Costa Rica, dove basta una maglietta e un calzoncino per vivere.
Ma queste, sono scelte di vita da fare a monte, una volta scelta la strada, poi va percorsa con le sue regole.

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).