Condividi

Questa maledetta paura della solitudine

Indice dei contenuti

Potrà sembrare strano a molti, ma oggi più che un tempo tantissime persone hanno paura, se non terrore, della solitudine. Chiariamo che non stiamo parlando dello stare da soli una sera, un week end o passare del tempo soli con se stessi. Stiamo parlando della paura di rimanere soli man mano che il tempo passa, che si invecchia. 
La paura dell’abbandono e, quindi, della solitudine è qualcosa che accomuna un po’ tutti, perché nasce sin da quando siamo piccoli, inermi bambolotti che dipendono dalle cure parentali per sopravvivere. Il mammifero uomo è uno dei più complicati nel suo sviluppo, soprattutto cerebrale, per questo ci mette anni il cucciolo dell’uomo per diventare autonomo. In questo periodo dipende interamente da altri quanto a sostentamento, cure e tutela. Ben presto, capiamo che siamo essere sociali e che abbiamo bisogno degli altri. Ben presto cominciamo a chiederci cosa dobbiamo fare per essere amati dagli altri, desiderati e quindi non rimanere soli. L’autostima è qui che comincia a traballare e per molti non si riprenderà mai più, in quanto il parametro utilizzato per definire il proprio valore sono le opinioni esterne, i desideri degli altri e le relative aspettative.

LA PAURA DI NON ESSERE ALL’ALTEZZA

Da qui nascono le paure del giudizio altrui, di non essere adeguati, all’altezza; da qui nasce il senso di inadeguatezza, che per molti rappresenta la colonna sonora della vita intera. Tutte queste paure, come tanti affluenti, finiscono per alimentare un’unica vera paura profonda: la paura dell’abbandono, del rifiuto e, quindi, di restare soli. Le ragioni possono essere molteplici e ogni mante produce i propri fantasmi, storie e alibi. Il risultato, però, non cambia granché.

COME AFFRONTARLA? LA CONSAPEVOLEZZA

Da dove partire per affrontare questo ansia costante? Cosa è utile fare e pensare per poter dare una svolta duratura a questo umore di fondo? Il primo passo è capire una cosa: finchè guarderemo fuori di noi non troveremo pace. Qualunque cosa faremo non andrà bene, non sarà abbastanza, non sarà duratura. Dunque? La telecamera questa volta va girata su di noi e l’introspezione deve essere il vero esercizio. Recuperare le sensazioni, la percezione, il sentire invece di pensare deve essere la strada maestra. Il modo per farlo può essere un po’ diverso per ciascuno, passando dalla meditazione, al viaggio, al silenzio e ascolto, alla scrittura. Comunque sia, il viaggio è verso dentro e non fuori. Saper recuperare tempo per noi, spazio di qualità, condizioni confortevoli è essenziale. Può sembrare semplice, ma quanti lo fanno? 

CONOSCERE VUOL DIRE POTER SCEGLIERE

Il secondo passo, dopo la consapevolezza, è conoscere alcuni meccanismi con cui funzionano la nostra mente e le nostre emozioni. Neuroscienze e PNL per questo sono fantastiche! Finito qui? No di certo. Il terzo passaggio è tornare a sentire emozioni, apprezzarle, coltivarle, viverci dentro. Entriamo in un mondo più orientale, dove le parole chiave sono benevolenza, compassione, amore per se stessi (self empathy), armonia.

Se vuoi approfondire questa strada verso te stesso, partecipa al seminario in presenza ZERO PAURE E ZERO LIMITI che si terrà per la prima volta in un’unica giornata a Milano il 16 ottobre presso il Grand Visconti Palace Hotel

Riserva il tuo posto clicca qui e vai alla pagina dell’evento.

Ti aspetto in aula per un nuovo inizio!

RICHIEDI IL PROGRAMMA DEL SEMINARIO “ZERO PAURE“:
COMPILA IL FORM E LEGGILO NEL FORMATO PDF.


Sei interessato ad approfondire questi temi?
Partecipa gratuitamente al Webinar
“Giovedì in Diretta”
Tutti i giovedì ore 18:30.


.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: Liberi dalla paura


Mario Alberto Catarozzo - Founder Partner & CEO MYPlace Communications

In evidenza

Risorse correlate

AI Revolution

Corso base e avanzato di Intelligenza Artificiale per Studi professionali

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

    * I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori

    Mario Alberto Catarozzo

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, è specializzato nell’affiancare professionisti, manager e imprenditori nei progetti di sviluppo e riorganizzazione.
    È fondatore e CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione nel business. Nella sua carriera professionale è stato dapprima professionista, poi manager e infine imprenditore. Per questa ragione conosce molto bene le dinamiche aziendali e del mondo del business. Si è formato presso le migliori scuole di coaching internazionali conseguendo le maggiori qualifiche del settore.
    Collabora con Enti, Istituzioni e Associazioni professionali e di categoria e lavora con aziende italiane e internazionali di ogni dimensione, dalle pmi alle multinazionali.
    È autore di numerosi volumi dedicati agli strumenti manageriali e di crescita personale e professionale. È direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore e autore de “Il Futuro delle professioni in Italia” edito da Teleconsul editore.
    Professional Certified Coach (PCC), presso la International Coach Federation (ICF).
    Per sapere di più sulle attività di formazione, coaching, consulenza e marketing visita i siti:

    .
    Per info e contatti: coach@mariocatarozzo.it.

    Iscriviti alla nostra
    Newsletter

    Potrai ricevere le nostre promozioni fatte su misura per te oltre a tante risorse gratuite come e-book, podcast, video e molto altro.