Puntata n. 8 – Business development in Studio: fate scelte oculate

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Indice dei contenuti

Dopo aver lavorato sulla consapevolezza e sulla raccolta dei dati (business intelligence) che ci metteranno in condizione di fare scelte oculate, è arrivato il momento di agire. Agire con oculatezza, si intende. Per fare ciò è necessario avere delle mete, abbiamo visto, perché ogni scelta non è giusta o sbagliata in assoluto, ma in relazione all’obiettivo che ci siamo posti. Le scelte sono parti della strategia, ecco l’importanza di avere obiettivi e relative strategie per realizzarli, altrimenti procederemo random, a naso, disperdendo tempo, energie e spesso trovandoci lontano da dove avremmo desiderato giungere.

Le scelte sono fatte di azioni concrete e hanno sempre, tutte, una caratteristica: se scelgo una cosa rinuncio ad un’altra. Nel momento in cui decido di partecipare ad un convegno perché avrò la possibilità di conoscere nuovi potenziali clienti, rinuncio a stare in studio a portare avanti il lavoro; nel momento in cui decido che è più opportuno concludere un atto piuttosto che partecipare ad un corso di formazione, sto rinunciando ad una cosa per farne un’altra, e così via. Ovvio, diranno molti. Sì, ovvio, ma spesso l’esperienza con centinaia di professionisti in questi anni mi insegna che la maggior parte delle scelte non vengono fatte con reale ponderazione dei pro e contro, bensì per abitudine, paura, pigrizia. Quindi una vera valutazione dei pro e contro in ogni scelta non viene sempre fatta, anzi.

Abbiamo inoltre sottolineato come le scelte siano fatte di azioni concrete, fatti. Finchè viviamo di buoni propositi (“dovrei”, “mi piacerebbe”, se potessi”, “se solo”, “sarebbe bello”, “avrei dovuto” ecc.) non accadrà nulla. Per poter avere risultati nuovi – ci dice lo stesso Einstein (La vera follia nell’uomo è pensare di avere risultati nuovi facendo sempre le stesse cose) – dobbiamo fare cose nuove. Passate dunque dal condizionale all’indicativo presente. Pensate giorno per giorno a piccoli obiettivi – baby step – e agite per realizzarli, poi verificate se avete ottenuto ciò che vi siete proposti e continuate, altrimenti apportate modifiche.

Procedete, infine, un passo alla volta con azioni concrete. Molti entrano in stallo perché mettono troppa carne al fuoco, perché hanno propositi troppo grandi e fare salti eccessivi spaventa chiunque, quindi si bloccano o non sanno come agire. Niente salti, strappi, cambiamenti radicali. I cambiamenti si introducono un po’ alla volta, insegna il coaching, ma con metodo. Questo è ciò che accade in un percorso di coaching, appunto.

Passo dopo passo riuscirete a modificare sostanzialmente la vostra organizzazione di studio, i vostri ritmi, le abitudini lavorative, le relazioni con clienti e collaboratori e infine, ma non perché meno importante, il vostro business. Ricordiamoci che efficacia ed efficienza sono due concetti diversi. Provate a pensare a quanto tempo durante la singola giornata disperdete tra email inutili che potrebbero essere sostituite da telefonate, azioni ripetute, che potrebbero essere razionalizzate, attività di dettaglio, che potrebbero essere delegate, e così via. E tutto ha un prezzo, quindi quel tempo sprecato è tempo che avete sottratto ad un po’ di relax salutare, a pensare a nuovi business, a incontrare nuovi potenziali clienti ecc.

Vediamo qualche domanda che potrà aiutavi:

–       Come utilizzo oggi lo strumento email?

–       Mi fermo durante la giornata più di una volta a fare il punto della situazione?

–   Mi pongo domande per capire come posso fare diversamente attività quotidiane?

–       Conosco la redditività dei miei clienti (rapporto ore lavorate/guadagno)?

–       Sto facendo il tipo di lavoro che mi piace?

–       Potrei introdurre dei piccoli cambiamenti concreti? Quali?

–       Mi fermo periodicamente a progettare, pianificare e verificare?

Buon lavoro!

Risorse correlate

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).