Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Prima di definire qualunque strategia di azione per la gestione di un progetto è necessario fissare due punti cardinali:

  1. Il punto di partenza, quindi le risorse possedute, i punti di forza, lo scenario;
  2. Il punto di arrivo, quindi gli obiettivi che si vogliono raggiungere, sia qualitativi, che quantitativi.

La prima attività è una attività di Intelligence, quindi di raccolta dati, loro aggregazione e interpretazione (mappatura); la seconda attività è di definizione della vision e degli obiettivi.

COME DEFINIRE GLI OBIETTIVI: MODELLO S.M.A.R.T.

Esiste un modello che aiuta a definire correttamente gli obiettivi. Nel coaching gli obiettivi così definiti si chiamano “ben formati”. Ecco il modello SMART e i suoi 5 passaggi:

MODELO T.O.T.E.

Definire gli obiettivi non basta. È necessario poi avere metodo anche nel perseguirli. Un altro modello ci aiuta a mantenere la rotta durante la navigazione, a partire solo dopo aver definito da dove partiamo per ottenere cosa e a fare dei continui check di verifica intermedi per introdurre i cambiamenti necessari o, addirittura, cambiare completamente la strategia che sta dimostrando di non funzionare, evitando così sprechi di tempo e di energie.

Il modello TOTE si sviluppa in 4 fasi, che sono indicate dalle lettere che compongono l’acronimo:

  • TEST = prima di agire devo raccogliere le informazioni  (mappatura).
  • OPERATION = è la strategia, il piano di azione.
  • TEST = è la mappatura di verifica per capire se stiamo andando nella direzione giusta.
  • EXIT = qualora ci accorgiamo che l’operato non è efficace, dobbiamo non incaponirci, ma essere flessibili e smettere di fare ciò che stiamo facendo, per valutare altre strade da percorrere.

Questa mentalità viene trasmessa nel percorso della nostra Coaching Academy, la scuola di coaching di Myplace Communications

RICHIEDI IL PROGRAMMA DEL PERCORSO
MYP COACHING ACADEMY – SELF COMPETENCIES“:
COMPILA IL FORM E LEGGILO NEL FORMATO PDF.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Tecniche di problem solving nello studio professionale

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (PCC, Professional Certified Coach), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti e aziende.

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata in start-up in Italia e all’estero e in percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.