Condividi

Praticanti e AI: l’intelligenza artificiale a supporto dei giovani in studio

Indice dei contenuti

La formazione dei praticanti negli studi professionali, siano essi studi di commercialisti, avvocati, consulenti del lavoro o notai, rappresenta un aspetto cruciale per garantire la crescita e la continuità dello studio e per assicurare la qualità del servizio offerto ai clienti. In un contesto sempre più tecnologico, l’intelligenza artificiale (AI) si sta rivelando un alleato prezioso anche per migliorare e accelerare questo processo formativo delle nuove leve in studio. Vediamo, dunque, come l’AI può essere integrata nella formazione dei praticanti, fornendo esempi concreti e suggerimenti pratici. L’intelligenza artificiale può essere una risorsa preziosa anche per i praticanti negli studi professionali sotto diversi punti di vista. I giovani neolaureati che affrontano il praticantato in uno studio di commercialisti, avvocati, consulenti del lavoro e notai, oggi possono trovare valido supporto nella propria formazione professionale nell’AI per attività come:

  • Ricerca normativa e giurisprudenziale.
  • Redazione e revisione di atti e documenti.
  • Miglior gestione dei processi di lavoro.
  • Formazione continua e aggiornamento.

In particolare, sotto il punto di vista della formazione l’AI può:

  • Fornire feedback e suggerimenti personalizzati sui punti di forza e di debolezza dei praticanti, sulle aree di miglioramento e sulle risorse di apprendimento disponibili.
  • Creare percorsi formativi personalizzati e adattivi, basati sui bisogni, sugli obiettivi e sulle preferenze dei praticanti, e monitorarne i progressi e i risultati.
  • Offrire esperienze di apprendimento interattive e immersiva, attraverso l’uso di simulazioni, giochi, realtà virtuale e aumentata, chatbot e assistenti vocali.

Intelligenza Artificiale per Studi professionali

Scopri il nostro corso AI REVOLUTION
di 4+4 ore in webinar live
CORSO BASE e AVANZATO

RICONOSCIUTI N. 4+4 CREDITI FORMATIVI PER CDL

Dall’AI a formazione personalizzata

Grazie all’AI è possibile creare percorsi di apprendimento su misura per i praticanti. È possibile, infatti, predisporre una scheda con un piano di sviluppo per ciascun collaboratore e attraverso l’analisi dei progressi e delle difficoltà di ciascuno, monitorare e gestire il percorso di sviluppo e apprendimento. Le piattaforme di e-learning basate sull’AI possono proporre contenuti specifici per colmare le lacune conoscitive e rafforzare le competenze già acquisite. Ad esempio, un praticante avvocato che mostra difficoltà nella redazione di contratti potrebbe ricevere simulazioni e casi studio mirati su cui allenarsi, mentre un praticante commercialista potrebbe ottenere moduli di approfondimento sulla normativa fiscale più complessa.

Più veloce accesso alle informazioni e risposte

Gli assistenti virtuali basati sull’AI, come i chatbot, possono fornire risposte immediate a domande complesse, riducendo il tempo necessario per la ricerca manuale. Questi strumenti sono in grado di setacciare grandi quantità di dati giuridici, contabili o normativi e fornire sintesi precise e aggiornate. Per esempio, un chatbot può aiutare un praticante notaio a trovare rapidamente la legislazione pertinente per un atto di compravendita immobiliare, oppure un consulente del lavoro a rispondere a domande sulla gestione delle buste paga.

Analisi e interpretazione dei dati e precedenti

L’AI è capace di analizzare grandi volumi di dati in modo efficiente, individuando pattern e tendenze che possono essere utili per la formazione dei praticanti. Ad esempio, strumenti di data analytics possono aiutare i praticanti commercialisti a comprendere meglio i bilanci aziendali, identificando anomalie o aree di rischio. Allo stesso modo, un praticante avvocato può utilizzare l’AI per analizzare giurisprudenza e sentenze, migliorando la propria capacità di costruire argomentazioni legali solide.

Simulazioni ed esercitazioni

L’utilizzo dell’AI può offrire esperienze di apprendimento interattive e su misura in modo rapido ed economico. I praticanti possono partecipare a simulazioni di processi legali, negoziazioni o audizioni amministrative, acquisendo esperienza pratica con feedback e sentendosi protagonisti sin da subito. Ad esempio, una simulazione di un’udienza in tribunale può aiutare i praticanti avvocati a sviluppare le loro capacità di argomentazione e gestione dello stress.

La pratica professionale si sta trasformando

Come possiamo immaginare da questi pochi esempi, anche la pratica professionale sta subendo rapide trasformazioni grazie all’intelligenza artificiale, offrendo opportunità senza precedenti per l’apprendimento personalizzato, l’accesso all’informazione e lo sviluppo di competenze pratiche. Sfruttare appieno il potenziale dell’IA richiederà un approccio equilibrato, che combini l’innovazione tecnologica con la saggezza e l’esperienza umana. Sicuramente la mentorship, quindi la relazione di un giovane con un senior che faccia da mentore e insegni la professione in ogni suo risvolto resta centrale, ma la tecnologia può essere un valido supporto per rendere più efficace e veloce questo percorso di apprendimento.

Vuoi acquisire nuove competenze manageriali?

Scopri il nostro percorso MASTER IN BUSINESS
10 giornate di formazione in webinar live

RICONOSCIUTI N. 20 CREDITI FORMATIVI PER CDL

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?
Leggi anche: “AI ACT europeo: la prima regolamentazione normativa dell’intelligenza artificiale al mondo

Mario Alberto Catarozzo - Founder Partner & CEO MYPlace Communications

In evidenza

Risorse correlate

AI Revolution

Corso base e avanzato di Intelligenza Artificiale per Studi professionali

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

    * I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori

    Mario Alberto Catarozzo

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, è specializzato nell’affiancare professionisti, manager e imprenditori nei progetti di sviluppo e riorganizzazione.
    È fondatore e CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione nel business. Nella sua carriera professionale è stato dapprima professionista, poi manager e infine imprenditore. Per questa ragione conosce molto bene le dinamiche aziendali e del mondo del business. Si è formato presso le migliori scuole di coaching internazionali conseguendo le maggiori qualifiche del settore.
    Collabora con Enti, Istituzioni e Associazioni professionali e di categoria e lavora con aziende italiane e internazionali di ogni dimensione, dalle pmi alle multinazionali.
    È autore di numerosi volumi dedicati agli strumenti manageriali e di crescita personale e professionale. È direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore e autore de “Il Futuro delle professioni in Italia” edito da Teleconsul editore.
    Professional Certified Coach (PCC), presso la International Coach Federation (ICF).
    Per sapere di più sulle attività di formazione, coaching, consulenza e marketing visita i siti:

    .
    Per info e contatti: coach@mariocatarozzo.it.

    Iscriviti alla nostra
    Newsletter

    Potrai ricevere le nostre promozioni fatte su misura per te oltre a tante risorse gratuite come e-book, podcast, video e molto altro.