Pianeta Terra chiama Luna. La difficile comunicazione tra uomo e donna

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Avevamo già trattato le difficoltà “biologiche” nella comunicazione uomo-donna e ritorno. Ci eravamo lasciati nei due post dedicati salutandoci con “non è colpa di nessuno” siamo fatti così, è tutta natura. Il cervello femminile è più empatico, più incline all’emozione, più viscerale nelle sue reazioni, quello maschile tendenzialmente le fugge, le emozioni. Meno preparato ad affrontarle, spesso non sa che farne, quindi razionalizza, le evita e se non può cerca una soluzione. Ovvio, tutti i distinguo soggettivi. Lui vuole andare a vivere con Lei, Lei vuole sposarlo. Cosa c’è che li distingue? Il legame. O meglio, la paura del legame. Quella stessa cosa che molte donne vivono come un sentimento, molti uomini la vivono come un vincolo. E così – per dirla con Sarah Jessica Parker di Sex and the City – molti legami naufragano ai tavolini di un bar in un pianto deluso di Lei davanti al fuggi fuggi precipitoso di Lui. Il pianto, già, il più ancestrale strumento elaborato dalla natura per attirare l’attenzione. “Pronto pianeta Terra qui Luna, si piange, c’è qualcosa che non va? Pronto….pronto??? Pianeta Terra hai ricevuto il messaggio?”. In Lui comincia la reazione di disagio: “dai non piangere…mi fai sentire male e…non mi va “. Ma Lui, fino a due secondi prima non si era accorto di nulla. I messaggi scritti a chiare lettere sul volto di Lei erano sfuggiti completamente al radar di Lui. Quindi si vede travolto da una diga che ha aperto le chiuse. A Lei non sarebbe mai successo, Lei ha un radar predisposto a cogliere questi segni, impercettibili, sul volto altrui. Empatia, appunto. Geneticamente avvantaggiata e allenata sin da piccole. Da alcuni esperimenti è risultato che le donne sono capaci di cogliere nel 90% dei casi segnali di tristezza sul volto altrui, mentre gli uomini al massimo si attestano sul 40% dei casi (Erwin R.J., Facial e motion discrimination, 1992). Se Lei incontra un’amica e percepisce dal suo volto che è triste comincia a farle mille domande: Come stai? Cosa è accaduto? Ti va di raccontarmi? Se Lui incontra un amico e riesce a percepire la sua tristezza…parte facendo finta di niente, poi inanella un paio di battute per farlo ridere, poi cominciai a pensare “chi me l’ha fatto fare di uscire con questo che è pure depresso” e alla fine la domanda di rito ci scappa “ma che cazzo hai oggi?”. Gli uomini si chiudono e le donne invece (tendenzialmente) condividono. Gli uomini non sanno bene che farci con un’emozione forte se non sperare che passi presto, le donne ci passano in mezzo come una nave che solca di punta una tempesta, senza evitare neppure un’onda. Non è insensibilità dell’uno rispetto all’altro, è un istinto geneticamente impostato. Che ci volete fare…

Il punto dolente è quando sono Lui e Lei a confrontarsi, due molecole chimiche in cerca di elementi diversi. Ma anche qui la natura ha pensato bene e tutto finisce alla fine a tarallucci e vino. Si sta insieme, si litiga un po’, non ci si capisce quanto basta, si è diversi quanto basta per dirselo. Alla fine siamo tutti d’accordo che se fossimo troppo simili sarebbe una palla incredibile.

Se arrivasse sulla Terra una navicella e ci portasse via, penso che tutti, guardando dall’oblò la Terra mentre si allontana penseremmo che tra tutto è forse proprio questo che ci mancherebbe di più: l’altra dolce metà con cui discutere per poi raccontarci che non ci capiamo e dopo fare la pace.

Ah, dimenticavo una comunicazione per i maschietti: avete presente la vita che fa il Leone? No?! Beh andate ad informarvi e…buona invidia a tutti!

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).