Condividi

Perché il coaching nello Studio professionale

  • Leadership
  • Marketing e sviluppo business

Indice dei contenuti

Associati, in società o in rete, lo Studio professionale cambia pelle e diventa grande. Le compagini di Studio risultano sempre più strutturate e di grandi dimensioni. Questo per rispondere meglio alle sollecitazioni del mercato, alle richieste dei clienti ed essere così più competitivi. Tutto ok, fin qui. Ma la sfida della competitività si vince sull’efficienza dei servizi e dell’organizzazione. È come giocare in squadra: se la mentalità è da solista, la squadra ne risente fino ad implodere. Così è per lo Studio di medie-ampie dimensioni. Vogliamo che funzioni? Bene, va abbandonata la mentalità del “faccio tutto io” e va sposata la filosofia del team. I risultati, d’ora in poi, saranno di tutti e raggiunti dal gruppo, non più dal singolo o dei singoli.

LA LEADERSHIP IN STUDIO

Ma come in ogni squadra anche nello Studio c’è bisogno di una figura di riferimento, di un team leader, di un allenatore, un coach. Sarà infatti questa figura a guidare le azioni del collettivo, a motivarlo, indirizzarlo e coordinare gli sforzi. È il leader ad avere la vision e a trasmetterla. Sarà da un lato un ispiratore e dall’altro un motivatore. Sarà colui che catalizza gli sforzi dei singoli in una visione collettiva e che ha “in mano” le sorti del gruppo.

Uno Studio con dipartimenti e livelli gerarchici di professionisti deve avere momenti di condivisione, collettivi, che hanno insieme funzione di coordinamento “tecnico”, ma anche di mantenere alta la motivazione e consolidare il senso di appartenenza del gruppo. A gestire questi momenti dovrà essere il team leader (o uno dei team leader) dello Studio.

LO SPIRITO DI GRUPPO

Far parte di un collettivo non basta: bisogna “sentirsi” parte di un collettivo, sapere ciascuno che ruolo ha, quali funzioni deve assolvere, quali aspettative si ripongono in lui e quali responsabilità deve affrontare. E soprattutto è indispensabile sentire il gruppo intorno a sè, sapere che all’occorrenza c’è chi coprirà la “posizione” che ho lasciato scoperto, sapere che come me tutti sono disposti a sacrificarsi per il bene comune, che si vince o si perde tutti insieme, proprio come in una squadra. Il coaching aiuta a fare tutto questo. Che sia condotto sulla leadership dello Studio per condividerne con i soci la cultura (leadership) che poi saranno questi ultimi a trasmettere ai collaboratori, oppure al team nel suo insieme (team coaching), in ogni caso ogni vero e duraturo cambiamento passa attraverso le menti e le coscienze delle persone.

Solo quando il libero professionista si “sentirà” (e non solo saprà di essere) a capo di un gruppo, con cui condivide le sorti, le aspettative, i progetti e i risultati, solo allora sarà diventato “maturo” per condurre (invece di “servirsi”) uno Studio organizzato verso mete non più solo individuali, ma collettive. Finito l’individualismo, comincia la cultura del team.

IL COACHING

In tutto questo che ruolo ha il coaching? Prima di dedicarsi all’organizzazione, alla digital transformation, alla creazione di reti o di associazioni, bisogna lavorare su quella che oggi viene chiamata “transizione culturale”. Dopo la pandemia sappiamo che tutto sta cambiando, che l’innovazione è il tema centrale per ogni organizzazione, insieme alla inclusività, alla sostenibilità, al nuovo umanesimo organizzativo. Dove si deve lavorare per prima cosa? Sulla mentalità, cultura, abitudini, modo di pensare. Ecco che entra in gioco il coaching, che è appunto la disciplina che nasce dalla maieutica socratica e ha come scopo allenare la consapevolezza, fare chiarezza, imparare a pensare in modo strategico per definire obiettivi e progetti. Eccovi nel mio mondo, che da oltre 25 anni porto agli studi professionali e alle organizzazioni in generale. Per saperne di più sul coaching vai qui Coaching Academy

Punta su di te con il coaching

Scopri la nostra Scuola di Coaching
MYP COACHING ACADEMY
di 1° liv. in webinar live e 2° liv. in presenza in Grecia

Mario Alberto Catarozzo - Founder Partner & CEO MYPlace Communications

In evidenza

Risorse correlate

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

    Mario Alberto Catarozzo

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, è specializzato nell’affiancare professionisti, manager e imprenditori nei progetti di sviluppo e riorganizzazione.
    È fondatore e CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione nel business. Nella sua carriera professionale è stato dapprima professionista, poi manager e infine imprenditore. Per questa ragione conosce molto bene le dinamiche aziendali e del mondo del business. Si è formato presso le migliori scuole di coaching internazionali conseguendo le maggiori qualifiche del settore.
    Collabora con Enti, Istituzioni e Associazioni professionali e di categoria e lavora con aziende italiane e internazionali di ogni dimensione, dalle pmi alle multinazionali.
    È autore di numerosi volumi dedicati agli strumenti manageriali e di crescita personale e professionale. È direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore e autore de “Il Futuro delle professioni in Italia” edito da Teleconsul editore.
    Professional Certified Coach (PCC), presso la International Coach Federation (ICF).
    Per sapere di più sulle attività di formazione, coaching, consulenza e marketing visita i siti:

    .
    Per info e contatti: coach@mariocatarozzo.it.