I passaggi generazionali nello studio professionale

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Indice dei contenuti

La saggezza popolare del mondo contadino usava un’espressione idiomatica dal tenore: “Figlio del gatto acchiappa un topo” (traduzione dal dialetto partenopeo). Detto in altro modo, è sempre stato abbastanza naturale che l’impresa familiare, nonché la professione, si tramandasse di padre in figlio. L’Italia è piena di storie familiari dalle lunghe tradizioni che passano di mano in mano. Dal negozio all’azienda, dalla Sicilia al Trentino, ogni angolo dell’italica terra ha visto il passaggio del testimone da una generazione all’altra.

Questa buona (secondo alcuni, cattiva) abitudine ha caratterizzato per generazioni anche la professione forense e le altre professioni giuridico-economiche. Nel dopoguerra in poi sono stati principalmente i figli dei professionisti a fare la professione, e ciò per mille ragioni, a cominciare dall’avviamento che non doveva andare disperso, alle possibilità di essere mantenuti durante gli studi universitari, alla mentalità che il rampollo imparava a respirare da tenera età. Dopo gli anni ’70 non è più stato (soltanto) così, e ai figli d’arte si sono aggiunti i neofiti (generazionalmente parlando) che si affacciavano alle aule giudiziarie armati delle migliori intenzioni.

Oggi il fenomeno delle dinastie professionali è decisamente più circoscritto di un tempo, ma con tutto ciò ancora importante in termini di numeri.

Vediamo dunque cosa è cambiato e cosa è utile sapere oggi a chi si appresta a prendere le redini dello Studio e a chi si appresta a cederle. A maggior ragione, nei cambiamenti epocali in atto dopo la pandemia del 2020, oggi è indispensabile sapere come prendere in mano lo studio professionale del genitore e come cedere con un progetto chiaro le redini ai giovani per evitare che gli sforzi vadano dispersi.

Se fino al decennio scorso il passaggio sembrava quasi un fatto naturale, avveniva da sé, lentamente con il ridimensionamento del genitore in termini quantitativi e l’avanzamento delle nuove forze, oggi le cose sono decisamente più complicate.

Cosa comporta oggi il passaggio generazionale in studio?

Esiste oggi una coincidenza tra il passaggio del testimone e il cambiamento di pelle dello studio. Il passaggio epocale che la professione forense e le altre, come il commercialista o il consulente del lavoro, stanno attraversando di fatto sta accelerando i passaggi generazionali all’interno degli studi, in quanto le vecchie generazioni tendono a resistere il più possibile all’innovazione aspettando il cambio al comando e lasciando così che siano i figli ad innovare. Lo vedo regolarmente quando gli studi mi chiamano per lo sviluppo del sito Internet e per affrontare nuove modalità organizzative o di collaborazione in rete con altri professionisti, una novità per molti studi. Chi è stato per decenni abituato a lavorare e fare il professionista “tecnico”, lasciando al passaparola fare il proprio ruolo, non vive di buon grado doversi ora, magari a sessant’anni, mettere a studiare comunicazione o tecniche di leadership o gestione del tempo e dello stress.

Ecco che in questo contesto, l’arrivo dei giovani è visto come l’arrivo della cavalleria nei film western dove il fortino era assediato dagli indiani. Gli indiani di oggi non hanno archi e frecce, ma ugualmente fanno paura con i loro nomi anglofoni di social network, SEO, SEM, ranking, brand e chi più ne ha più ne metta. La frase che più di frequente si sente in questi contesti è “non me ne voglio certo occupare io, ci penserà mio figlio…”.

Dal passaggio del testimone al passaggio di speranza

Se dunque un tempo si poteva parlare di passaggio del testimone in occasione del passaggio generazionale (“caro figlio ti lascio non solo beni materiali e di relazione, ma anche una esperienza, una professionalità, un modo di fare la professione”), oggi il genitore lascia al figlio con l’incertezza dettata dal “tutto è cambiato” e non so se ti puoi basare su ciò che è stato per costruire ciò che sarà. Oggi il genitore avvocato, commercialista, consulente del lavoro stenta a fare previsioni sul futuro professionale dello studio e vive più di speranza (che il figlio ce la faccia a leggere i segnali del cambiamento) che di certezze.

Come affrontare al meglio il passaggio

Diventa dunque necessario che dante causa e avente causa siano consapevoli che il messaggio non può più essere “continua ciò che io ho cominciato”, bensì “sappi trasformare ciò che ho cominciato io”. Il primo passo è dunque la giusta mentalità, il giusto approccio al passaggio generazionale non come continuità materiale, ma come continuità di intenti. Tradotto: non fare ciò che hai visto fare a me, ma fai ciò che riterrai opportuno.

LEGGI IL MIO LIBRO:
IL FUTURO DELLE PROFESSIONI IN ITALIA“.

Sfide da affrontare

Ogni passaggio generazionale pone delle sfide. Vediamo quali sono le principali oggi nello studio.

  1. Cambiamenti organizzativi. Il fatto che la generazione precedente abbia condotto in solitaria la navigazione non vuole affatto dire che in futuro paghi questa scelta. Forse potrebbe essere opportuno scegliere buoni compagni di viaggio e strutturarsi in forma associata, per esempio; quindi attenzione rimanere legati a ciò che è stato. Sempre nei cambiamenti organizzativi rientrano nuove considerazioni sulla scelta dei praticanti e sulla loro permanenza in studio; un tempo erano vissuti come forza lavoro che al superamento dell’esame diventavano automaticamente potenziali concorrenti. Oggi che c’è bisogno di fare squadra, il praticante andrebbe selezionato con cura e fatto crescere come risorsa stabile, più che come manovalanza spot.
    .
  2. Relazioni in studio. Succedere al fondatore non è mai semplice, anche per le relazioni che intorno a lui si sono nel tempo costituite con gli altri dell’organizzazione. Farsi accettare da segretarie più longeve del rampollo non è semplice, come non è semplice farsi rispettare da collaboratori storici del papà, che riconoscono solo in lui l’autorità. Calma, tatto e buon senso aiuteranno. Niente fretta, mi raccomando.
    .
  3. La gestione di una figura ingombrante. Spesso poi capita che chi lascia il testimone, lo faccia in modo più teorico che pratico. In altre parole, vorrebbe lasciare il testimone, ma non ce la fa, è più forte di lui il richiamo alle sudate carte. D’altra parte, dopo decine di anni trascorsi in campo, è difficile per chiunque sedersi in panchina a guardare il match. Ecco che il genitore continua a venire in studio, semplicemente con tempi più rilassati, ma come sempre mette becco nelle attività che dovrebbe ora gestire il figlio; ecco che interviene a smontare la decisione presa dal giovane professionista, a portare la propria “saggezza” adombrando la figura del nuovo titolare. Questa in altre parole si chiama anche azione di disturbo o delegittimazione…che altro non porta che demotivazione della giovane leva, confusione di ruoli e funzioni, complicazioni organizzative. Meglio in questi casi che il genitore, che si è conquistato il meritato risposo, se lo goda sotto qualche ombrellone esotico, tra panama e cocktail e lasci al figlio il diritto di fare le proprie scelte e i propri errori.
    .
  4. La gestione dei clienti. Non di poco conto è poi il passaggio generazionale sull’impatto che ha sui clienti di studio. Abituato il cliente al capello brizzolato del genitore, deve ritarare il proprio giudizio sulla fluente (non sempre) chioma del figlio. Alla saggezza deve imparare ad apprezzare la velocità, all’astuzia l’energia. Prima con il genitore l’incontro era sempre di persona, ora il figlio propone la videoconference; il genitore faceva rispondere dalla segretaria, il figlio manda sms o email. Insomma, un’altra storia, oltre che un’altra generazione. Conquistarsi la fiducia e la stima sarà una bella sfida, ma è l’unica strada che abbiamo.
    .
  5. Uno studio tecnologico. Codici, enciclopedia, riviste di carta addio… Il genitore lascia praticamente dei cimeli oggi al figlio, una libreria stupenda con libri rilegati e raccolte di giurisprudenza formato magnum… Da questi particolari si vede se lo studio è di generazioni, oppure se è una start up. I primi hanno cimeli messi lì a ricordare vecchi fasti, come i vecchi dischi di vinile in bella vista. Ora compete al figlio riorganizzare lo studio anche dal punto di vista delle dotazioni tecnologiche: computer e intranet, area riservata, sito, impianto di videoconference. Insomma, anche alla segretaria paterna, figura di mezzo tra la badante e la segretaria, ci dovrà pensare il figlio a dare nuove funzioni, in attesa che la pensione giunga a maturazione e possa sostituirla con un bel cellulare e un computer per far tutto da sé.
    .

Tempi che vai usanze che trovi, si potrebbe dire. E così, il vecchio passaggio generazionale sta diventando un passaggio epocale anche dentro lo studio e non solo fuori.

VUOI ACQUISIRE NUOVE COMPETENZE MANAGERIALI?
ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO “MASTER IN BUSINESS
– PROSSIMA EDIZIONE IN PARTENZA IL 01 OTTOBRE 2021 –

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Diverse generazioni nello Studio professionale: conflitti e opportunità


Risorse correlate

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).

    1. Comunicazione efficace
    2. Gestione del tempo
    3. Gestione dello stress
    4. Leadership

    5. Team efficace
    6. Negoziazione efficace
    7. Public speaking
    8. Presentazioni efficaci