Papa Francesco e Renzi: due modelli di leadership anche per professionisti e manager?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Una volta tanto proviamo a volare un po’ più alti e prescindere dalle posizioni ideologiche, religiose o di partito. A ciascuno lasciamo le proprie, legittime qualunque esse siano. Non ci interessa, nelle prossime righe, la politica, nè altre posizioni fideistiche.
Proviamo insieme ad analizzare i modelli comunicativi e di leadership che incarnano due figure di spicco del nostro tempo: Papa Francesco e il Presidente del Consiglio Renzi.
Anticipiamo anche coloro che solitamente si indignano quando sentono abbinare alla figura del Pontefice un modello di comunicazione o di leader: non stiamo esprimendo alcun giudizio in merito, nè sostenendo che ciò sia frutto di scelte fatte a tavolino. Lasciamo a ciascuno la propria ricostruzione dei perché è dei per come, noi qui ci limitiamo ad osservare quanto vediamo da spettatori, come milioni di cittadini.
.

La coerenza e l’esempio di Papa Francesco: le doti un leader

Che Papa Francesco sia un grande modello anche in ambito comunicativo e di leadership non c’è dubbio. Ha la capacità di entrare nei cuori delle persone, di farsi sentire vicino a chiunque, di raggiungere tutti, fedeli e non. Papa Francesco  ha saputo ricucire la fiducia tra il popolo dei fedeli e la Chiesa, ha saputo stringere intorno alla sue parole persone di ogni credo. La sua grande forza comunicativa è la coerenza e l’esempio. Fa ciò che dice e dice ciò che fa. Conquista così la piena fiducia della gente. È il Papa della “Chiesa povera per i poveri” e i suoi gesti lo dimostrano. È il Papa che usa le utilitarie per muoversi tra la gente, della ventiquattr’ore portata sulla scaletta dell’aereo, dei pullman per andare a dir messa, delle soste per strada a baciare i malati, del lavoro anche ad agosto, delle email a chi gli chiede voce, delle telefonate a chi chiede ascolto. In questa grande forza che è l’umiltà e la coerenza risiede la forza di un grande “condottiero”. Un condottiero come non ne esistevano più da tempo.
.

La vision di Renzi: la forza della determinazione nella leadership

Passiamo poi alla vita temporale, a Renzi guida di un’Italia ferita. Ferita più che altro nella speranza, nella vision di un futuro migliore, nella credenza che un miracolo italiano stile anni ’50 sia ancora possibile. Renzi sta restituendo all’Italia una speranza, una luce in fondo al tunnel. È questo che serviva e questo sta trasmettendo. Al di là dei mille scettici – vero problema per qualunque comunità – dei politicanti per interesse personale e dei pessimisti, ciò che serviva prima di tutto (non solo, certo) all’Italia era crederci di nuovo. Dopo scandali di ogni tipo, senza colore e senza partito che si salvi, solo la rabbia e la delusione avevano conquistato terreno. Prima di qualunque altra cosa serviva un progetto e soprattutto una nuova mentalità. Senza quella non si va da nessuna parte, ci si arrovella sulle colpe e sulle cause, ma colpe e cause non risolvono certo i problemi.
Ecco la forza di Renzi, aver compreso che deve lavorare prima di tutti sulla vision delle persone, sulla pancia, sulle emozioni, sulla speranza. Il resto, fondamentale, viene di conseguenza. La leadership è questo, convogliare le energie, le speranze le azioni delle persone in un’unica direzione.
.

Leadership, vision, determinazione

Se Papa Francesco è il simbolo della coerenza, del leader che va per primo, che segna la strada, Renzi rappresenta la vision, la luce in fondo al tunnel che guida le azioni delle persone. La sua comunicazione è diretta al futuro, è diretta alla trasmissione che si può fare, come gridava il dott. Frankenstein nell’omonimo film di Mel Brooks: “si può fare!“.
È scientificamente dimostrato come i nostri comportamenti siano guidati più dalla prospettiva futura che riusciamo ad immaginare che dalle esperienze passate. I veri leader questo lo sanno bene. La loro leadership deve essere per forza visionaria, orientata al futuro. Vedono per primi e ispirano negli altri la fiducia che quella è la strada giusta.
Bene, tutto questo può essere un modello di un nuovo approccio e di una nuova mentalità? Per chi è a capo di un’organizzazione, sia esso l’imprenditore, il manager o il professionista, avere leadership, vision e determinazione può essere utile a traghettare la propria organizzazione verso un furto migliore? E’ più utile soffermarsi sul presente, sulle cause, sulle preoccupazioni, o essere per primi ottimisti, fiduciosi, programmatici e saperlo trasmettere a chi sta con noi?
Ovviamente riteniamo che sia l’unica vera strada da percorrere sia questa. L’approccio old style, che in passato ha prodotto i suoi frutti, rischia in futuro di far naufragare le migliori intenzioni ed energie nell’impresa come nelle professioni. Il mondo cambia e noi dobbiamo cambiare insieme a lui. Fermarsi a recitare vecchi copioni quando la scenografia è mutata potrebbe risultare sul lungo periodo letale.
A ciascuno le proprie considerazioni, ma impariamo ad attivare il modeling, l’arte di modellare, quindi di prendere esempio e trarre ispirazione dai grandi personaggi.
Buon lavoro a tutti!

Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).