New Normal tra GreenPass e Vaccini: il mobility manager

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Con l’avvento della pandemia da Covid-19, per l’esigenza di adeguare l’operatività e l’organizzazione aziendale, sono nate nuove figure professionali e altre già presenti si sono rinnovate e evolute per far fronte al mutato scenario. Il mobility manager è una di quelle che maggiormente è rimasta coinvolta nel cambiamento richiesto dalle regole di distanziamento e conseguente sicurezza dei lavoratori, smart e remote working, dando il suo contributo al miglioramento delle prestazioni delle aziende. Come afferma sul magazine “EconomyPaolo Stern, presidente di NexumStp, piccolo-grande colosso della consulenza professionale, un merito della crescita dell’impresa va ricercato nell’allargamento del welfare aziendale:

.
Il welfare aziendale comporta maggiori benefit per i lavoratori, per l’impresa stessa, ma anche per l’ambiente, come per esempio quando si parla di mobilità sostenibile, o di smart working vero, non quello imposto dalla emergenza sanitaria
.

LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

Appunto la mobilità sostenibile è un aspetto che riveste un peso notevole all’interno del contesto organizzativo perché, come recentemente stabilito anche per legge nel Decreto Rilancio, impone alle aziende di ripensare ad un nuovo modello di spostamenti tra casa e lavoro. Nello specifico all’articolo 229 comma 4 del D.L. 19/05/2020 n. 34 si prevede l’obbligo per tutte le imprese ed enti pubblici con più di 100 addetti, ubicate in capoluogo di regione, città metropolitana, capoluogo di provincia, comune con più di 50mila abitanti, di adottare, entro il 31 dicembre di ogni anno, un Piano degli spostamenti casa-lavoro (Pscl) del proprio personale finalizzato a ridurre l’uso del mezzo personale, e di nominare un mobility manager, responsabile del Piano, e dedicato al supporto nel processo di decisione, pianificazione, programmazione, gestione e promozione di soluzioni ottimali di mobilità sostenibile. L’implementazione di questo piano comporta a cascata una riduzione dell’uso dell’auto privata, quindi della congestione nelle ore di punta, dell’impatto sull’ambiente causato dal traffico veicolare, soprattutto nei grandi centri urbani, e un generale miglioramento del benessere dei dipendenti con effetti positivi anche sulla spesa per i trasporti.

LEGGI ANCHE QUESTO MIO ARTICOLO:
SOCIAL RESPONSABILITY E STUDI PRO-FESSIONALI

LA FIGURA DEL MOBILITY MANAGER

Ritornando alla figura del mobility manager non è un caso se, tra le tante professioni in difficoltà a causa del Covid-19, sia stata una delle pochissime insieme a medici e infermieri la cui richiesta è aumentata. Il mobility manager infatti, chiamato a governare, coordinare e implementare tutto il processo del Piano degli spostamenti casa-lavoro, dovrà avere un quadro completo delle problematiche connesse al territorio e al posizionamento degli uffici, impianti e magazzini rispetto al conteso urbano di riferimento. Inoltre è necessario che sappia prendere atto delle dinamiche verso questi luoghi non solo da parte del personale dipendente, ma anche di fornitori ed eventuali visitatori. Una delle abilità a lui richieste è quella di definire il trade-off tra domanda e offerta di mobilità arrivando quindi a identificare gli interventi attuabili. Tra le soluzioni applicabili c’è ad esempio l’adozione di soluzioni di car pooling e car sharing, l’implementazione di un servizio collettivo aziendale o incentivi per l’uso dei mezzi di trasporto pubblici o di veicoli alternativi come biciclette e monopattini elettrici. Il lavoro però non si esaurisce “solo” a livello pratico e analitico. Il mobility manager dovrà avere esperienza e conoscenza anche a livello comunicativo e di marketing. Tra gli aspetti fondamentali della figura c’è infatti anche la creazione di una cultura della mobilità sostenibile in azienda e spesso in collaborazione con altri mobility manager.

Per un’azienda i passi saranno quindi la nomina di un mobility manager aziendale, anche in outsorcing, con cui elaborerà il Pscl, che seguirà l’implementazione di tutte le azioni previste nel piano, partendo dall’analisi del contesto interno ed esterno all’azienda, proseguendo con la definizione di obiettivi perseguibili e delle iniziative specifiche, la realizzazione del programma di attuazione e un costante dialogo con gli enti locali per lo sviluppo delle iniziative.

LEGGI ANCHE QUESTO MIO ARTICOLO:
NEWNEW NORMAL TRA GREENPASS E VACCINI: LA SPINTA ALLA DIGITALIZZAZIONE

CONCLUSIONI

Nella nuova fase di New Normal la mobilità sostenibile è un aspetto che riveste un peso notevole all’interno del contesto organizzativo. A rafforzare questo assunto si aggiunge l’obbligo previsto all’articolo 229 comma 4 del D.L. 19/05/2020 n. 34, per le imprese ed enti pubblici con più di 100 addetti ubicate in enti locali con più di 50.000 abitanti, di adottare entro il 31 dicembre di ogni anno un Piano degli spostamenti casa-lavoro (Pscl). Questo piano comporta una riduzione e rimodulazione dell’uso dell’auto privata soprattutto nei grandi centri urbani. Il mobility manager è la figura indicata a governare la mobilità sostenibile e quindi a preparare, insieme all’azienda o l’ente, il Pscl e successivamente a implementarlo, oltre a mantenere un costante dialogo con gli enti locali per lo sviluppo delle iniziative. Tra le abilità e conoscenze richieste al mobility manager ci sono anche quelle comunicative e di marketing per favorire all’interno dell’azienda la creazione di una cultura della mobilità sostenibile.

VUOI UTILIZZARE EFFICACEMENTE IL WEB NELLA PROFESSIONE:
SITO, SOCIAL, CANALI DI BUSINESS?”
ISCRIVITI AL NOSTRO CORSO WEB INNOVATION STUDIO

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Professioni in Italia e futuro professionale: tutto passa dalle 3 “P”


Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).