|

Come migliorare la gestione del tempo sul lavoro?

|
Condividi

Indice dei contenuti

LA RIPRESA POST EMERGENZA COVID-19

Ripartiti a pieno ritmo! Questo è ciò che ciascuno di noi pensa oggi, passata la metà del mese di settembre, dopo pandemia e vacanze che ci hanno scombinato abitudini e piani di lavoro. Probabilmente è il settembre più strano e “nuovo “ di sempre, dove se da un lato ci accorgiamo che è finita un’epoca, dall’altro siamo consapevoli che se ne apre una nuova tutta di zecca, dove possiamo davvero inventarci il futuro.

I NUOVI SCENARI NELLA PROFESSIONE

In questo nuovo scenario la vera sfida è superare le vecchie abitudini e crearne di nuove. Già, perché le abitudini sappiamo che sono una strategia che la natura ha previsto per farci risparmiare energie e tempo; come tutte le cose, però, le abitudini presentano un lato positivo e uno negativo.

Da un alto, infatti le abitudini ci permettono di mettere “il pilota automatico” e muoverci nella confort zone; risparmiamo così tempo ed energie per fare ciò che è necessario, riproponendo, però, sempre le stesse dinamiche e percorrendo sempre la stessa strada. In ciò consiste un’abitudine: nel creare una sequenza dei azioni che possiamo poi riproporre a nastro in continuazione. L’abitudine, in sostanza, ci rende una fotocopiatrice: riproponiamo copie di ciò che abbiamo già fatto. Fin qui tutto ok.

NUOVE MENTALITÀ E NUOVI COMPORTAMENTI

Ora però dedichiamoci al lato meno nobile della questione. Una fotocopiatrice non inventa nulla, riproduce. Finché ciò ci è utile, va bene, ma non appena la realtà che dobbiamo affrontare richiede nuove soluzioni e comportamenti… ecco che la vecchia abitudine diventa immediatamente una palla al piede.

Così, se non ci rendiamo conto che è arrivato il momento di cambiare e di individuare nuovi comportamenti, ecco che ci arrocchiamo sulle posizioni solite e tendiamo a giudicare, a lamentarci per mantenere lo status quo, invece di inserirci nel flusso degli eventi e cambiare, come gli eventi richiedono. Ricordiamo Charles Darwin che sosteneva che:

non è il più forte o intelligente della specie a sopravvivere, ma colui che si adatta meglio ai cambiamenti.

La flessibilità, quindi, sarà il vero plus per il futuro, la marcia in più da possedere. Il tempo si inserisce in questo scenario: essere tempestivi, non sprecare tempo a giudicare, evitare di focalizzarsi sul problema e dedicare quel tempo prezioso a cercare soluzioni; queste saranno le skills necessarie per fare la differenza in futuro.

Metodo, strumenti, coaching, nuova mentalità è ciò che troverete nella nuova edizione del volume GESTIRE IL TEMPO NELL’ATTIVITÀ PROFESSIONALE, uscito da poche settimane in libreria e su Amazon. Per saperne di più e comprare il volume vai su www.mariocatarozzo.it.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: Perché un libro sul futuro della professione?


Mario Alberto Catarozzo

Formatore, Business Coach professionista e Consulente, è specializzato nell’affiancare professionisti, manager e imprenditori nei progetti di sviluppo e riorganizzazione.
È fondatore e CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione nel business. Nella sua carriera professionale è stato dapprima professionista, poi manager e infine imprenditore. Per questa ragione conosce molto bene le dinamiche aziendali e del mondo del business. Si è formato presso le migliori scuole di coaching internazionali conseguendo le maggiori qualifiche del settore.
Collabora con Enti, Istituzioni e Associazioni professionali e di categoria e lavora con aziende italiane e internazionali di ogni dimensione, dalle pmi alle multinazionali.
È autore di numerosi volumi dedicati agli strumenti manageriali e di crescita personale e professionale. È direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore e autore de “Il Futuro delle professioni in Italia” edito da Teleconsul editore.
Professional Certified Coach (PCC), presso la International Coach Federation (ICF).
Per sapere di più sulle attività di formazione, coaching, consulenza e marketing visita i siti:

.
Per info e contatti: coach@mariocatarozzo.it.