Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Ai professionisti è una parola che dà un certo fastidio. Di cosa parliamo? Della parola “vendere”.

Da sempre le professioni intellettuali si sono distinte da quelle commerciali proprio su questo terreno: non si vende nulla, si offrono prestazioni consulenziali su base intellettuale.

È dunque cambiato qualcosa negli ultimi tempi in cui anche l’avvocato, il consulente del lavoro, il commercialista (solo per citarne alcuni) si occupano di marketing e di comunicazione per “vendere” i propri servizi professionali? La risposta non può che essere positiva: sì, è cambiato molto e non solo qualcosa. È cambiato il mercato, le abitudini dei clienti, gli strumenti di comunicazione, le dinamiche relazionali, la concorrenza. Alla luce di tutte queste novità, anche l’offerta di consulenza cambia pelle, sia nei modi, che nei tempi e negli strumenti.

Dunque cosa è utile sapere per muoversi adeguatamente in questo nuovo scenario? Partiamo da qui: saper vendere e saper far acquistare sono due situazioni molto diverse. Partiamo dalla considerazione che i servizi legali come quelli fiscali, e come ogni altro servizio e bene, si compra in un mercato (appunto) chiamato “mercato legale” o “mercato professionale”. Un tempo come canale principale esisteva il famigerato “passaparola”, ora accanto ad esso ce ne sono molti altri, come funnel per avvocati. Alla fine parliamo di vendita, al di là dei canali attraverso cui si giunge alla conclusione dell’acquisto.

APPROFONDISCI L’ARGOMENTO SUL MIO ULTIMO LIBRO
IL FUTURO DELLE PROFESSIONI IN ITALIA EDITO DA TELECONSUL (AGOSTO 2020)

COMUNICAZIONE E PIANO MARKETING STUDIO LEGALE

Nei corsi sulla vendita si afferma che il funnel per avvocati consiste nel saper trasformare un processo di vendita in un processo di acquisto. Detto in altro modo: io non ti sto vendendo nulla, ti sto facendo venir voglia di comprare. Il marketing per avvocati ha proprio questa funzione: non semplicemente far conoscere, bensì far venire voglia. Era il marketing 1.0 – per utilizzare la definizione data da Philp Kotler, papà del marketing moderno – quello destinato a far conoscere i prodotti; stiamo parlando degli anni 50-60. Oggi la situazione è ben diversa e sicuramente le vie di comunicazione per venire a conoscere le cose non mancano, anzi sono sovrabbondanti. Tutta la società moderna soffre di ipertrofia comunicativa e il web ha rappresentato un catalizzatore di questo fenomeno, “democratizzando” la comunicazione e, nello stesso tempo, facendo illudere anche i non addetti ai lavori di poter comunicare semplicemente inserendo post qua e là, oppure, inviando messaggi più o meno eleganti.

GUARDA IL MIO INTERVENTO AL PHILIP KOTLER MARKETING FORUM

UN CORRETTO FUNNEL PER AVVOCATI

La realtà delle cose è tutt’altra. Oggi lo studio legale vende un prodotto rappresentato dalla propria consulenza, dalla propria assistenza in giudizio e dalla capacità di accompagnare le imprese in avventure business senza passi falsi. Il punto è che per il profano questi servizi sembrano tutti uguali e gli operatori altrettanto. Cosa ne può sapere un manager o un imprenditore sulla reale bravura e preparazione di un avvocato o di un commercialista? E come si potrebbe concretamente confrontare un consulente del lavoro con un altro dal punto di vista della preparazione giuridica o dell’esperienza sul campo? Ovviamente non può perché non ha gli strumenti per farlo e infatti si affida a ben altri parametri per decidere.

Entriamo qui nel mondo delle sensazioni, del feeling, dell’empatia. Questi sismografi personalissimi vengono mossi non tanto dalle dichiarazioni lette in un blog, o dalla frase postata sul social, quanto dalla capacità dell’individuo o dell’organizzazione di toccare le corde giuste, corde quasi sempre non razionali, bensì emotive.

COINVOLGERE CON LO STORYTELLING

Nello storytelling, per esempio ha questa funzione, di far immaginare, sognare, immedesimare. L’endorsement, la testimonianza, l’uso della metafora, l’aforisma, l’immagine giusta, il video: ecco sono tutti elementi che muovono le emozioni, che raggiungono il cervello limbico e che hanno la capacità di far propendere, oppure no, per un certo acquisto.

Gli studi legali sono ancora molto concentrati su sé stessi, sulla propria storia, organizzazione, competenza. Ignorando, invece, che al cliente ciò interessa fino ad un certo punto. Il cliente vuole che gli vengano date buone ragioni per fare l’acquisto, vuole avere la sensazione di scegliere lui. Le persone non amano che gli vengano vendute le cose, amano acquistarle.

A nessuno piace rivolgersi a studi legali senza esserne convinto, senza avere la sensazione di avere la situazione in mano o addirittura sentendosi obbligato, perché l’unico che conosce o perché non sa valutare.

Le persone amano sentirsi al centro dell’attenzione; amano essere ascoltate; amano chi è simile a loro e le apprezza; amano sentirsi accompagnate e curate. Le persone preferiscono, al limite, chi è meno bravo, ma più empatico, più alla mano e quindi più vicino loro.

Chi gestisce la comunicazione dello studio legale o del commercialista o del consulente del lavoro dovrebbe chiedersi proprio questo: cosa spinge le persone ad acquistare i nostri servizi? È quel “perché” che deve essere sviluppato nella comunicazione e che andrà nel tempo a creare il brand dello studio, cioè l’insieme dei valori con cui opera, che risponde propri alla domanda cosa li avvicina a noi, cosa li accomuna.

RICEVI IL NOSTRO EBOOK GRATUITO
GUIDA PRATICA AL MARKETING PER LO STUDIO PROFESSIONALE”:
COMPILA IL FORM E LEGGILO NEL FORMATO PDF

VENDERE O FAR COINVOLGERE?

Torniamo al tema da cui siamo partiti: vendere i servizi legali o farli comprare? A chi si occupa di marketing per avvocati nello studio professionale bisognerebbe fare questa domanda: stai lavorando per vendere servizi, per farli conoscere, per promuoverli, oppure stai lavorando per farli acquistare?

Se volessimo rappresentare graficamente questi due processi, troveremmo nel primo una retta che unisce chi promuove con i destinatari, mentre troveremo un cerchio nel secondo caso, che parte da chi promuove, passa dai destinatari e torna a chi promuove. Nel primo caso quell’azione diretta (direct marketing) è un’attività push, dove il destinatario si troverà a dover fronteggiare l’offerta di vendita quasi a volersi divincolare. Nel secondo caso, invece, il destinatario ha un ruolo attivo e diventa da soggetto che riceve a soggetto che agisce per avere.

Pensate di trovarvi al bar e vedere una bella donna: potete andare lì e senza fronzoli subito presentarvi, oppure potete far intravedere cosa si perderebbe a non conoscervi per far sì che desideri conoscervi e si faccia avanti perché ciò avvenga.

SCEGLI IL TUO WEBINAR DI GIOVEDÌ IN DIRETTA (ISCRIVITI QUI) E RIMANI AGGIORNATO SULLE NOVITÀ TRAMITE IL GRUPPO DI FACEBOOK (PARTECIPA AL GRUPPO)


CONOSCERE LE LEVE MOTIVAZIONALI

Passiamo ora a qualche buon consiglio per far venire voglia di acquistare i propri servizi. Si tratta di saper tocca le “leve motivazionali” di ciascuno e poiché ogni persona ne ha di proprie, non potremo pretendere di raggiungere tuti, ma dovremo scegliere i nostri interlocutori che si dovranno innamorare dei nostri servizi. Qualcuno potrebbe trovare esagerata questa osservazione, ma in realtà anche i servizi legali potrebbero essere “sexy” se adeguatamente convigliati in un corretto funnel per avvocati. Ricordate che ogni vendita è un atto seduttivo! Si tratta di far dire di sì ad una persona.

VUOI ACQUISIRE UNA NUOVA MENTALITÀ E NUOVE COMPETENZE PER UNA MIGLIOR GESTIONE DELLE EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E FIDUCIA NELLE PROPRIE RISORSE? SCOPRI LA NOSTRA MYP COACHING ACADEMY

Vediamo le regole base:

  1. Non preoccuparti di dire tutto, di informare; non è quello che venderà.
  2. Occupati della forma con cui presenti un servizio. Conta quanto la sostanza.
  3. Definisci il target e chiediti cosa lo ispira e lo muove all’acquisto.
  4. Ascolta i tuoi clienti cosa hanno da dire su di te e aggiusta costantemente il tiro.
  5. Scegli uno stile e sii coerente nel tempo.

Vediamo ora quali sono le leve motivazionali dei clienti nel marketing per avvocati:

  1. Il risparmio di soldi.
  2. Il risparmio di tempo.
  3. La paura delle conseguenze.
  4. Il desiderio di guadagnare.
  5. Il desiderio di sicurezza.
  6. Il senso di giustizia (soggettiva).
  7. Il desiderio di vendetta.
  8. L’emulazione.
  9. L’invidia.
  10. La paura del giudizio.

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Marketing per studi legali


Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).