L’eterna lotta avvocato-giudice

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

In natura ci sono cane e gatto, nella filosofia corpo e mente, nello sport Maradona e Pelè. Il dualismo esiste ed è una costante; in alcuni casi è sinonimo di complementarietà e in altri di antitesi.

Nel mondo forense questo dualismo è sintetizzato dalla relazione avvocato-giudice.

A sentir parlare l’uno dell’altro, non sembrano neppure appartenere allo stesso mondo. L’avvocato parla dei magistrati come esseri saccenti, ricchi di stranezze, gonfi di autostima che spesso sconfina nell’arroganza relazionale. Non si contano poi coloro che ne mettono in discussione la preparazione giuridica o che invocano prove psicologiche nel concorso statale.

Dalla bocca dei magistrati non escono parole più tenere verso i cugini avvocati. Il complimento migliore è che sono chiassosi e disorganizzati, per poi scendere fino a note meno gloriose, quali la prepotenza, l’arrivismo, l’egocentrismo e, dulcis in fundo, l’impreparazione.

L’ambiente non aiuta

Certo è che l’ambiente in cui l’incontro avviene non è uno dei più confortevoli e non aiuta la distensione tra le due categorie. Il Tribunale, infatti, si caratterizza per la freddezza dei luoghi (a volte la quasi fatiscenza), il disordine a tratti imperante, la burocrazia ostacolante. Facile in queste condizioni ambientali essere di cattivo umore e perdere facilmente la pazienza tra code in cancellerie, attesa davanti alle porte, code per i bolli e, ciliegina sulla torta, code presso gli uffici degli ufficiali giudiziari per depositare e ritirare notifiche.

Le circostanze dell’incontro non sono delle migliori

Che dire poi delle circostanze in cui l’incontro avviene. Per definizione e con rare eccezioni, lo spunto dell’incontro è una causa, quindi una lite in atto dove due contendenti, assistiti da provvidi legali, si sfidano codici alla mano. Il giudice, da buon arbitro, è chiamato a far rispettare regole e applicare soluzioni che, per definizione, lasceranno qualcuno scontento, e c’è sempre chi griderà all’ingiustizia minacciando ricorsi.

I tempi sono un catalizzatore di attriti

Anche i tempi della relazione ci mettono lo zampino e la somma di poco tempo a disposizione, tante richieste pendenti, sotto-organico degli uffici giudiziari, non può che dare come risultato ulteriore stress che si tramuta in malumore e attriti. Così, il rinvio negato, l’udienza spostata, i tempi biblici tra una udienza e l’altra non fanno altro che gettare benzina sul fuoco.

Percorsi diversi, approcci diversi

A differenza dei Paesi anglosassoni, da noi, solo una piccola parte del percorso formativo è comune ai due giuristi: l’università. Da lì in poi le strade si separano irrimediabilmente, con unica eccezione dei magistrati che decideranno di saltare la barricata facendosi iscrivere di diritto all’Albo degli Avvocati. La sfida, come tra duellanti del settecento, fioretto alla mano, è a suon di norme e giurisprudenza. In pratica, è una negoziazione che si apre ogni volta: uno dei due negozia un “sì”, l’altro un “no”. Entrano qui in gioco l’arte della retorica, della dialettica per convincere delle proprie argomentazioni chi ha il potere di giudicare e che, in quanto tale, sarà temuto e odiato come due facce della stessa medaglia. Ma siamo sicuri che la “sfida” in udienza, come fuori, si gioca in punta di diritto? Entreranno in gioco, nella realtà quotidiana dei fatti, simpatie e antipatie? Capacità di chiedere e di ascoltare? Abilità nello scegliere il tempismo giusto? Capacità persuasorie e non solo di convincimento?

Se avete piacere di condividere le vostre esperienze e aneddoti in merito, condividetele in calce al post nei social, oppure scrivetemi (coach@mariocatarozzo.it).

Convincere e persuadere, come abbiamo più volte sottolineato in questo blog, sono due cose ben diverse e per essere davvero efficaci bisognerebbe conoscere l’arte e i segreti di entrambi. Il diritto, a volte, occupa una posizione meno importante di quanto in teoria si affermi, lasciando ampio margine alle capacità relazionali, comunicative, negoziali. Acquisirle significherà aumentare le proprie potenzialità e carte da giocare all’occorrenza.

Per chi vuole apprendere l’arte della comunicazione efficace e persuasiva e della negoziazione strategica, consiglio vivamente il Master Class Business.

 Buon lavoro e a presto!

Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).