Inconsapevoli, consapevoli, autoconsapevoli: a che punto siete?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Tre modi diversi di affrontare la vita e cercare la propria realizzazione e felicità. Vediamoli.

 Inconsapevolezza

A stimolo risposta, questa è l’inconsapevolezza. Ripetere sempre gli stessi schemi, reagire alle provocazioni, vivere quanto già conosciamo per paura del nuovo. Si è sempre fatto così, è inconsapevolezza; è andata bene finora, perché cambiare, è inconsapevolezza. Gridare al telefono perché abbiamo perso la pazienza; accusare l’altro di non capire; farsi dominare dalla fretta; seguire la massa; agire per paura; sfiancarsi per non provare sensi di colpa; paura del rifiuto; paura del fallimento. Eccovi a voi vite e comportamenti inconsapevoli. Non sempre inconsapevolezza vuol dire che non vada bene; alcune reazioni inconsapevoli, istintive, salvano la vita, dunque ben venga. Il problema sorge quando è lo stile di vita ad essere nel suo complesso inconsapevole. Ciò vuol dire che siamo dominati dalle emozioni, dagli istinti e che saranno gli altri a gestirci, in un modo o nell’altro.

Consapevolezza

So di avere paura; sento di avere le forze; temo il nuovo e agisco col batticuore, ma provo; so che così facendo non troverò la strada; capisco che la soluzione sta nel cambiamento; vedo il mio comportamento e comprendo i suoi limiti. Siamo entrati nel livello superiore del nostro stare al mondo. Ora sentiamo e sappiamo di sentire. Ora comprendiamo che esistono altre strade, anche se non le conosciamo. La mente apre le porta a nuove possibilità. Spesso ad una prima sensazione di smarrimento, di ansia per l’ignoto, segue la gioia di cogliere nuove possibilità e nuovi orizzonti. Come il sereno segue la tempesta, così la sensazione di aria fresca segue o stantìo senso del conosciuto. Essere consapevoli è il primo passo verso qualunque crescita, gradino verso una nuova dimensione e prospettiva.
Ricordo la “sensazione di primavera” provata durante gli studi in PNL (Programmazione Neuro Linguistica), dove alla triste sensazione provata per anni dove sembrava tutto pre-impostato, dove sembrava che ad un certo tran tran non vi fosse via di uscita, è seguita la percezione dell’infinito novero delle possibilità.
Molti di noi, per ragioni culturali, sociali, di educazione o esperienze, escludono completamente dalla propria vita l’idea della “possibilità”. “È possibile” non viene mai menzionato nei loro discorsi; “si può fare” sembra escluso a priori. Esiste solo ciò che è stato già fatto, già provato. Spesso questo è sostenuto con forti convinzioni che nel tempo diventano scetticismo verso ogni forma di novità.
Diventare consapevoli dei nostri comportamenti, dei nostri pensieri, delle nostre azioni è il primo passo concreto verso la nostra realizzazione piena.
Si pensa che solo l’uomo sia consapevole, invece anche alcune specie animali lo possono essere. Vi è mai capitato di tornare a casa e trovare il vostro cane che ha fatto un disastro con il divano? Ebbene, basta un vostro sguardo di rimprovero o la classica frase “cosa hai combinato?”, perché il nostro fedele quadrupede si prostri a terra con orecchie basse, coda in mezzo alle gambe e sguardo implorante perdono. Ecco, in quel momento è consapevole di averla combinata grossa!

Autoconsapevolezza

Siamo giunti al livello superiore ancora. Qui si dischiudono concretamente le nuove possibilità per la nostra vita. Essere autoconsapevoli, vuol dire conoscere le ragioni del nostro comportamento, a pro di che facciamo quel che facciamo. Quanti di noi saprebbero rispondere alla domanda: perché facciamo il lavoro che stiamo facendo? Perché siamo organizzati in questo modo e non in un altro? Perché pensiamo di continuare a farlo?
Probabilmente gran parte risponderebbe a questi perché menzionando le cause delle proprie scelte, più che gli scopi. Qui risiede la differenza tra perché eziologico (cause) e perché finalistico (a pro di che). Il coaching, per esempio, lavora sul secondo e non sul primo.
L’autoconsapevolezza è ciò che permette di prendere il timone della nostra vita in mano. Permette di programmare, progettare e dirigere la nostra azione, invece di essere eterodiretti.

Vita privata e vita professionale

Tutto ciò vale solo nella vita privata? Certo che no. Vale in ogni ambito della nostra vita, privata come professionale. le due, d’altra parte, sono una cosa sola. Perché scegliamo un certo partner, perché vogliamo avere figli, perché ci vestiamo in un certo modo, perché abbiamo scelto quel lavoro, perché conduciamo un certo stile di vita?

Chi saprebbe dare risposte chiare a se stesso prima di tutto? La vita per tutti non è certo semplice, d’altronde, nessuno lo aveva mai detto, no?! Certo è che se abbiamo maggiori strumenti per affrontarla, gestirla, dirigerla, sceglierla, ecco che diventa più “nostra”, degna di essere vissuta, interessante, coinvolgente. È una scelta anche questa, a monte di tutto.

Come passare dall’inconsapevolezza alla autoconsapevolezza?

Di strade ce ne possono essere tante. Cominciamo dalla lettura di autori giusti a tale fine, occidentali od orientali fa lo stesso, secondo le inclinazioni personali. Passiamo attraverso le tecniche di PNL e di Mindfullnes, alleniamoci con un percorso di Coaching.

Requisiti indispensabili in ogni caso sono la volontà, la curiosità e un approccio positivo alla vita.

Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).