Il passaggio generazionale in Studio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Dei quasi 250mila avvocati iscritti all’Albo, oltre 130mila commercialisti e oltre 30mila consulenti del lavoro, la stragrande maggioranza è organizzata in piccoli studi professionali, spesso la prosecuzione di generazioni precedenti. Così come il tessuto economico italiano è intriso di PMI, allo stesso modo il tessuto professionale si caratterizza per la presenza di studi di piccole e medie dimensioni, quasi sempre a “conduzione” familiare, dove il titolare è il fondatore e il nome suo porta avanti una lunga tradizione professionale. La sorte che accomuna molti di questi studi, dunque, è il passaggio del testimone dal papà ai figli.

Esattamente come in ambito imprenditoriale è ancora poco diffusa la cultura di pianificare e programmare questo momento, allo stesso modo avviene in ambito professionale. Il passaggio, dunque è più di fatto che gestito con anticipo. Avviene e basta. Il più delle volte i figli, una volta laureati, entrano in studio per la pratica e proseguono senza soluzione di continuità il loro cammino professionale sotto l’egida paterna.

Niente di strano fin qui e storicamente ciò ha funzionato, costituendo il più delle volte la fortuna di nomi storici dell’avvocatura, piuttosto che dell’area economica e giuslavoristica. In passato la continuità rappresentava un elemento di forza dello studio, i clienti passavano di padre in figlio e, insieme alle biblioteche di studio, transitavano sulla nuova generazione modalità operative, mentalità e clientela.

Oggi anche questo passaggio è diventato più delicato di un tempo. Le ragioni sono molteplici:

  • non è più così scontato che i clienti fidelizzati transitino da padre in figlio;
  • non è più necessariamente un punto di forza la tradizione, se non è accompagnata da innovazione;
  • il cliente si focalizza meno sul nome e di più sulle prestazioni;
  • il passaggio generazionale può andare a modificare gli equilibri relazionali, in particolare negli studi di più grandi dimensioni e strutturati.

Cosa è opportuno fare, dunque? La scelta strategicamente più appropriata è quella di programmare e lasciare il meno possibile al caso. Si tratta di pianificare con calma e per tempo questo momento creando le condizioni organizzative, relazionali e gestionali ideali per cedere il testimone. Il, figlio non sarà mai il clone del padre (e non deve esserlo), per cui si devono creare un po’ alla volta le condizioni perché la sua leadership prenda strada e venga accettata dai collaboratori. Ciò tanto di più se lo studio ha un certo livello organizzativo e strutturale, magari con soci e collaboratori di lunga data che devono “digerire” innanzitutto questo passaggio.

Se inoltre vi è un progetto di passaggio generazionale, sarà possibile tradurre i rischi in opportunità. Per esempio, sarà il momento ideale per introdurre innovazione tecnologica e organizzativa; sarà in questo caso necessario che tali novità siano comunicate e gestite opportunamente con i collaboratori di studio perché non vengano percepite come “capricci” del figlio che prende il comando dello studio, oppure come momenti di “rottura” col passato. La conseguenza sarebbe ansia e malumore che non giovano certo al buon andamento del business. Allo stesso modo sarà necessario introdurre nuove buone abitudini come riunioni informative di studio, sarà il momento di rinnovare la vision di studio e di creare piani di crescita dei collaboratori. Il passaggio può essere in sostanza un momento in cui, partendo dai successi della precedente generazione, questi vengono messi a frutto, valorizzati e tradotti in esperienza per nuove scelte e nuovi obiettivi.

Buon lavoro!

Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).