Quando il genitore diventa coach

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

In buona fede ciascun genitore cerca di rappresentare una guida morale, emotiva e decisionale per i propri figli. Un tempo, soprattutto per chi ha più di quarant’anni, i nostri genitori avevano la primaria necessità di far studiare i figli e prima ancora di garantire materialmente quel benessere che spesso non avevano avuto loro stessi nel periodo post guerra.
Il lavoro duro e la ricerca di un benessere materiale spingeva quindi le scelte anche educative dei nostri genitori. Molti poi erano emigranti che cercavano un equilibrio tra la cultura di origine e quella locale.

Internet a tavola

Oggi le cose sono ben diverse. Essere genitore oggi vuol dire fare i conti con una società completamente nuova dentro cui le esigenze dei figli adolescenti si confrontano e cercano risposte. Oggi fare il genitore vuol dire fare i conti con Internet e l’uso sconsiderato dei giovani (e meno giovani), vuol dire confrontarsi con i figli che diventano Youtuber e girano filmati improvvisati postandoli dappertutto, piuttosto che doversi confrontare con altri genitori sui gruppi di WhatsApp. Essere oggi genitore vuol dire doversi confrontare con i figli a tavola con le cuffiette che ascoltano musica, oppure persi nei loro cellulari  a chattare mentre mangiano. Essere genitori oggi vuol dire capire i silenzi dei figli, il significato del chiudersi in camera per ore a giocare con il computer, oppure il dover affrontare le ricerche su Google per storia o geografia o ancora dover comprare su Amazon l’ultima cover dello smartphone per non far sentire il figlio meno del compagno.
In tutto questo ci si mettono i brufoli, il nervosismo dell’adolescenza che incalza, nuovi linguaggi, nuove abitudini.

La figura del genitore-coach

Come migliorare la comunicazione con i propri figli? Come imparare a capire i loro tempi e le loro esigenze? Per guidarli in un mondo complesso bisogna capirli.
Cercheremo di capire come migliorare le nostre capacità comunicative, di ascolto e di confronto nel percorso dedicato ai genitori promosso all’interno del progetto “Sviluppa il tuo futuro“.

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (PCC, Professional Certified Coach), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti e aziende.

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata in start-up in Italia e all’estero e in percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.