Dopo il Covid-19 cambia tutto per studi e aziende: gerarchie, retribuzione, mentalità di lavoro

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

La pandemia sapevamo che avrebbe lasciato una lunga scia di cambiamenti. I primi li stiamo già vedendo sull’organizzazione del lavoro e delle gerarchie negli studi professionali e nelle aziende. Ancora non ci rendiamo bene conto dell’impatto decisivo di questi mesi sulla stessa cultura organizzativa che ha accompagnato per 70 anni (dal dopoguerra) il lavoro nelle aziende e negli studi professionali, ma i primi segnali di questo cambiamento ci sono già e sappiamo che col passare del tempo non si tornerà indietro, anzi.

SONO CAMBIATE LE GERARCHIE

Innanzitutto la cultura dell’organizzazione piramidale è già mutata e nel prossimo futuro verrà consolidata in nuove forme di rapporti che un tempo erano gerarchici, intesi come rapporti alto-basso.

Certo che rimarrà la necessità di una gerarchia nelle organizzazioni, il punto sarà definire la funzione di questa gerarchia.

Il lavoro sta passando da un lavoro a tempo, costruito sul si allarma do tu des tra scambio di prestazione e denaro, ad un rapporto risultato-retribuzione. Non sarà più il tempo ad essere pagato, ma sarà il risultato. Di conseguenza, la gerarchia non servirà più a far rispettare tempi e procedure in quanto tali, bensì a garantire il raggiungimento dei risultati (performance). Da piramidale, quindi, la gerarchia diventerà circolare: si collabora tutti con responsabilità e compiti diversi, per un unico risultato.

SONO CAMBIATE LE REGOLE DEL LAVORO

Il lockdown ha imposto il remote working, erroneamente chiamato smart, anche se di smart in questi mesi ha avuto poco. Il luogo dove può avere esecuzione il lavoro (se non tutti, molti) è dovunque, purchè sia possibile garantire risultati adeguati allo scopo. Il lavoro diventa così “liquido”, senza più dimora fissa.

Dal lavoro in fabbrica, in ufficio, in studio, insomma in un luogo che lo definiva, ora il lavoro è tale a prescindere dalla location. La digitalizzazione non solo ha dematerializzato parti dei processi lavorativi (documenti, relazioni, attività), ma la stessa location che prima ospitava il luogo della prestazione è oggi dovunque, in cloud.

LA PIRAMIDE DIVENTA UN CERCHIO

Se fino ad oggi l’organigramma di una organizzazione poteva essere rappresentato da una piramide, con al vertice i super capi e man mano verso il basso i collaboratori, oggi quella stessa organizzazione farebbe fatica a rappresentarsi così, quantomeno se volesse far coincidere con la realtà dei fatti la nuova organizzazione gerarchica. Certo, avremo sempre l’amministratore delegato, il responsabile commerciale, piuttosto che il titolare di studio e il managing partner, il punto nuovo sarà capire come interagiranno gerarchicamente con gli altri.

Controllo? Delega? Verifiche? Imposizioni?
Sarà tutto molto più “liquido”, in quanto ora dovranno cercare prima la condivisione, la comunanza di visione, di stile e di senso di responsabilità. Questa sarà l’ossatura che reggerà il resto che, altrimenti, rischierà di rimanere sulla carta.

NUOVA MENTALITÀ

Ultima conseguenza di tutto ciò sarà una nuova mentalità che, a dire il vero, dovrebbe essere il primo vero passaggio del cambiamento. Dapprima si prende coscienza del cambiamento, poi si cerca di conoscerne i contorni, poi si ridefiniscono obiettivi e vision e infine si elaborano le adeguate strategie. La mentalità, l’approccio, nuove prospettive, sono il punto di partenza.

Con queste nuove forme organizzative sarà importante avere i collaboratori giusti, formarli adeguatamente, condividerne la vision e responsabilizzarli. Dal controllo alla responsabilizzazione, sarà questo il ponte tra il passato e il futuro del lavoro.

Vuoi approfondire queste tematiche? Iscriverti al nostro corso in Webinar Master Class Business vai al seguente seguente link. Ti aspettiamo!


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: Verso il lavoro 5.0: webinar: e-learning, videoconference, videotutorial


Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).