Dentro la nostra mente: Inside out merita di essere visto

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Oggi parleremo di Inside out, l’ultimo film-cartone della Pixar. Partiamo dalla fine: merita di essere visto. Lasciate perdere tutti i commenti che leggerete di critici e criticismi, sul fatto che nel film manchi la ragione, piuttosto che l’auto-determinazione. Sarà pure vero, ma chi se ne frega, ci vien da dire. E basta con questa cultura dell’errore a tutti i costi, dove in evidenza deve essere sempre cosa manca o cosa poteva essere fatto meglio. Si può sempre fare di meglio, ma intanto godiamoci quel che di buono c’è. E in questo film di animazione di buono c’è n’è davvero tanto.
I protagonisti sono i nostri sentimenti, siamo tutti noi che ci specchiamo nelle gesta di questa bambina, Riley, che a undici anni deve affrontare la prima esperienza difficile della sua vita: il trasferimento con la famiglia in un’altra città. Non starò certo qui a raccontarvi la trama, sia perché la trovate in tutte le salse sui siti specializzati di filmografia, sia perché ve la dovete vivere di persona al cinema.
A noi interessa in quanto il personaggio di Riley ci permette di entrare dentro di noi, di rivivere cosa deve essere accaduto tanti anni fa senza che ne fossimo consapevoli.
Anche nel nostro cervello Paura, Gioia, Tristezza, Disgusto e Rabbia giocano da sempre la loro partita. Ma quanto ne siamo stati coscienti? E quanto lo siamo ora? Se non lo siamo, allora siamo incoscienti, cioè agiamo senza sapere perché e come.
Su questi punti abbiamo tante volte in questo blog tracciato delle linee di demarcazione tra un prima e un dopo, cercando di fare un pochino di luce su di noi, sulle nostre strategie di comportamento, sui nostri obiettivi e sui nostri errori.
Andate a vederlo, magari con i vostri figli e poi riservatevi una cena con tutti loro e aprite un confronto, chiedete e scoprite.
Buon film.
Ancora una osservazione: per quanto bello non supera, a mio avviso, il fantastico Up, dello stesso regista, datato 2009. I sentimenti, in quel caso visti da fuori, sono stati ancora più travolgenti e sfido chiunque a non aver versato qualche lacrima alla fine del film.

Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (PCC, Professional Certified Coach), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti e aziende.

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata in start-up in Italia e all’estero e in percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.