Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Sembrava solo un film di fantascienza, di quelli con Harrison Ford o Will Smith,
e invece sta diventando realtà.

In men che non si dica
avremo tutti dei colleghi robot.

Il nome c’è già: cobot.
La crasi tra collega e robot.

Per molti si stava meglio quando si stava peggio;
per altri c’è tristezza a pensare verso cosa stiamo andando.

.

Il 2020 è l’anno zero per l’Intelligenza Artificiale.
Gia, perché è già tutto pronto.

La tecnologia software sta facendo passi da gigante giorno dopo giorno e anche l’hardware.

Certo, prima di arrivare alla fase di antropoformizzazione a cui siamo abituati nei film ci vorrà ancora un pochino, ma non è così lontano.

Sono partiti dal software per renderlo intelligente, cioè con capacità di auto apprendimento, e ci sono riusciti; ora stanno lavorando all’intelligenza emotiva dei software, e ci riusciranno.

Poi passeranno alle sembianze umane dei robot e di sicuro riusciranno in questa impresa.

.

QUANTO CONTA L’INTELLIGENZA EMOTIVA?

.

Et voilà, ecco il nostro nuovo collega, uomo o donna sarà un’opzione che potremo scegliere.
Ed ecco il primo punto positivo.

.

Non avrà un carattere come siamo abituati a vedere nelle persone,
o quantomeno non avrà un brutto carattere.
Ed ecco il secondo punto positivo.

.

Questo vuol dire che non sarà permaloso,
non si lamenterà in continuazione del troppo lavoro o dell’essere eternamente sottostaffati.
Terzo lato positivo.

.

Potremo attivarlo al bisogno e disattivarlo, magari dicendogli AZ1 (questo potrebbe essere il suo nome di fabbrica) ora taci. E lui/lei smetterà di parlare
Quarto elemento positivo.

.

AZ1 sarà fedele e non ci lascerà dall’oggi al domani per una paga di 50 euro in più.
Quinto lato positivo

.

AZ1 continuerà ad imparare e non si siederà sugli allori, ne sulle abitudini consolidate, soprattutto quelle cattive.
Sesto lato positivo.

.

Potremmo continuare a lungo con i lati positivi. 

.

Certo, sento già chi alza il dito per dire si ma l’umanità, il calore anche delle liti, le discussioni in riunione, insomma il contatto umano dove lo lasciamo?

Ma per quello c’è casa!

Si tratta solo di aspettare il rientro a casa per litigare con qualcuno, per abbracciarsi, per ridere e scherzare, perché grazie ai nostri cobot, probabilmente le cose in ufficio andranno meglio e potremo tornare a casa prima per discutere con chi vogliamo. 

Si stima che nei prossimi anni il giro d’affari dei cobot aumenterà del 1600%.

.

Sapete che vi dico?
A me questo futuro non dispiace affatto, anzi!

.

Caro AZ1, ora comincio
a pensare al nome che ti darò!

.

Se vuoi conoscere di più i temi dell’innovazione e dell’intelligenza artificiale e prepararti al futuro come protagonista partecipa al nostro Master Class Business.

.


.

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche Infobesity: ne sei affetto anche tu?


Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (PCC, Professional Certified Coach), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti e aziende.

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata in start-up in Italia e all’estero e in percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.