Crisi o impreparazione? Perché molti chiudono in un batter d’occhio

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Indice dei contenuti

Vivo tra una piccola città e Milano. Le mie radici mi richiamano alla tranquillità di una piccola cittadina ogni qual volta mi fermo dalla frenesia di una Milano fantastica per lavorare e piena di stimoli, ma sicuramente un po’ logorante. Ebbene, da diversi mesi noto che stanno aprendo nella mia piccola cittadina locali e negozi. Tuttavia, la sensazione che mi accompagna quando vi passo davanti è: ma dove vogliono andare così?. Vedo bar improvvisati senza nulla di innovativo, senza un senso che ne giustifichi la presenza e la vitalità; vedo negozi in posizioni della città assurde, oppure con presentazioni (o partire dalla merce in vetrina) di dubbio gusto.

Impreparazione e improvvisazione

La mia sensazione mista a preoccupazione per chi si è lanciato in questa avventura senza paracadute, aumenta quando entro in questi locali. Si capisce al volo che nel migliore dei casi è stata la passione a spingere i gestori a provarci; in altri  casi è stata la disperazione o un vago senso di speranza. Ma altrettanto forte si capisce che non c’è dietro un progetto solido, ben ponderato, una strategia di azione, una vision. Mi chiedo infatti che futuro, economicamente parlando, possano avere alcuni negozi, per esempio di sigarette elettroniche quando sarà finita la moda del momento, oppure alcune cartolerie che vendono bellissime scatole (costosissime, tra l’altro) e carta per impacchettare regali. E potremo andare avanti con altre specialità che sto vedendo nascere come funghi dal due al tre.

L’importanza della preparazione

La passione è una bellissima cosa, così come l’entusiasmo. Perché possa concretizzarsi in un progetto che funzioni sul lungo periodo e produca soddisfazioni economiche e non solo, è necessario che innanzitutto vi sia una strategia alla base, un business plan, una preparazione sulle competenze necessarie per svolgere quella determinata attività. Penso, per esempio, ad un bar che ha recentemente aperto e che questa mattina ho voluto con speranza provare. Risultato? 5 minuti per avere un caffè, con i due dietro il bancone in evidente affanno e il bancone pieno di tazzine di chi aveva già consumato… poca preparazione, poca dimestichezza, poca organizzazione. Auguro a questi ragazzi tutto il bene del mondo, ma sarà utile che facciano velocemente un salto di qualità nel servizio, altrimenti la gente a breve non entrerà più…e poi si parlerà di crisi come causa del fallimento…

Capacità relazionali: fondamentali

Ultima considerazione riguarda non solo chi si mette in proprio poco preparato. L’anno scorso ho comprato l’auto e se faccio il bilancio della dozzina di venditori di auto che ho conosciuto nella mia ricerca della concessionaria giusta è deprimente. Siamo oscillati tra incapaci totali (a volta anche solo di esprimersi in un italiano corretto), a persone poco competenti del prodotto che alla seconda domanda rimanevano perplessi, a venditori ruvidi nei modi come li stessi infastidendo… Poi dicono che l’auto è in crisi…beh se cominciassimo a mettere venditori preparati, simpatici e in gamba, già un piccolo passo lo avremmo fatto.

Infine, stavo cercando un nuovo ufficio e mi sono rivolto ad alcune agenzie immobiliari. Anche qui non posso dire che la simpatia sia la loro prima caratteristica; alla seconda domanda si capisce dal tono che sono già infastiditi. Non vi dico poi quando si apre la fase negoziale gli skills quali siano. Anche in questi casi mi sono portato a casa una sensazione di approssimazione e di pressapochismo sconcertanti.

Che fare quindi?

La crisi c’è, non c’è dubbio. Le difficoltà ci sono, è innegabile. Certo è che se nelle start up non ci si prepara e costruisce un progetto, se nella propria attività non si investe nella preparazione tecnica e non solo allora la crisi diventa un alibi che copre altre cose.

Non si può più oggi affrontare un’impresa imprenditoriale come si faceva trent’anni fa. Ci vogliono idee nuove, ci vuole passione, dedizione, preparazione, progetto. L’improvvisazione se un tempo ha fatto la fortuna di molti, oggi dubito che possa portare risultati importanti.

Buon Anno a tutti e prepariamoci bene prima di intraprendere un progetto!

Ricordiamoci di Abramo Lincoln: Se mi chiedessero di abbattere un albero in otto ore, sei le passerei ad affilare l’accetta.

Risorse correlate

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).