La crisi culturale ed economica dell’avvocatura. Ecco come viene affrontata.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

Dal 2008 la crisi si è fatta sentire anche in Italia e anche nel settore dei liberi professionisti e avvocati. Per alcuni è arrivata uno o due anni dopo, ma prima o poi tutti l’hanno sentita.

Come si è manifestata la crisi per lo studio legale?

Con il termine crisi non  si intende solo la crisi economica, ma il profondo cambiamento a cui non si era abituati. Crisi, dal greco “crisis” significa “rottura”, cioè

improvviso cambiamento rispetto alla situazione precedente, che per le modalità e velocità con cui si manifesta non permette di rispondere adeguatamente preparandosi emotivamente e strategicamente.

La crisi di cui parliamo non è dunque solo la crisi economica che lo studio professionale può aver dovuto affrontare in seguito al calo del fatturato. Sono diversi gli studi con cui collaboro come coach e come consulente che, al contrario di quanto si possa pensare, affermano di aver addirittura aumentato il proprio fatturato negli ultimi anni. Certo, contro tendenza rispetto alla generalità, ma ci sono anche loro nel concetto di crisi che stiamo descrivendo.

La crisi dell’avvocatura è una crisi culturale, prima ancora che economica. La crisi non è tale solo se c’è un segno “meno” nel fatturato rispetto all’anno precedente. C’è crisi anche se il segno è “più”, ma a fronte di un super lavoro, oppure di uno stress arrivato alle stelle, o ancora a fronte di continue incertezze sul futuro.

La crisi è un fattore prima di tutto emotivo e poi economico.

Come affrontare la crisi dell’avvocatura

Se così è, allora sarete d’accordo con me che prima di tutto questa crisi va affrontata da un punto di vista di mentalità, di approccio, e solo dopo di scelte organizzative ed economiche. Mantenere un segno “più” davanti al fatturato di fine anno a fronte di week end passati in studio a lavorare, oppure di ansie e stress che creano problemi anche di salute, o di un clima di studio da trincea, non risolve certo il problema.

Cosa hanno fatto gli studi legali

Quale è stata la reazione dell’avvocato in questi anni di fronte alla crisi? La maggior parte, abituata a lavorare a testa bassa, guidato dalla scadenza e dagli adempimenti, ha accentuato questo atteggiamento, cercando di puntare ancor di più su quanto sapeva fare e quanto aveva negli anni precedenti avuto effetto, quindi lavoro lavoro lavoro. Se prima si stava in studio fino alle 19, ora si sta in studio fino alle 21; se prima si curava il cliente, ora si cerca di curarlo ancora di più per non perderlo; se prima si cercava di non fare errori, ora si cerca di farne ancora meno.

La seconda strategia utilizzata è stata quella del risparmio: elimino qualche collaboratore, disdico qualche abbonamento a riviste e banche dati, affitto la stanza in più ad un collega. Spesso però il risparmio non va di pari passo con scelte strategiche e lungimiranti e ciò che oggi mi fa risparmiare domani mi mette ulteriormente in difficoltà.

Cosa bisognerà fare in  futuro

Accanto a strategie di contenimento dei costi, razionalizzazione e ottimizzazione, sarà utile anche pensare a qualcosa di nuovo.

È inutile “l’accanimento terapeutico” professionale!

Tutta una serie di attività che in passato hanno fatto la fortuna di molti commercialisti, consulenti del lavoro e anche avvocati, in futuro non avranno più senso (economicamente parlando). E allora? Allora è un errore strategico puntare su di essi, ma anche semplicemente tenersi “aggrappati” ad essi per pigrizia o paura.

Bisogna cercare altre attività, settori, modalità.

Insomma, bisogna reinventarsi il mercato professionale fatto di contenuti e modalità diverse, grazie alle nuove tecnologie e alle nuove esigenze della società. Chi saprà guardare al di là della staccionata scoprirà campi inesplorati e potenziali mercati da coltivare.

Questo è ciò che cerco di fare da anni come formatore e come coach e consulente, con passione, serietà e dedizione accanto ai professionisti che vogliono fare il mercato invece che subirlo.

Risorse correlate

RISORSE

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

#ascoltailtuofuturo

Siamo entrati nel decennio che cambierà la storia dell’umanità,. Da qui al 2030 avremo robot come colleghi, Intelligenza Artificiale che gestirà buona parte dei processi produttivi e organizzativi, le relazioni, che saranno profondamente digitalizzate, logiche di mercato completamente diverse. Vedremo nei prossimi anni la nascita di professioni che oggi non esistono e la fine di professioni a cui siamo abituati. Lo smart working sarà la norma, lavorare a distanza, in modo liquido, in rete, senza orari sarà lo standard. Questo manuale offre una visione sul futuro delle professioni e del business. Partendo da ciò che il futuro ci riserva accompagneremo il lettore a comprendere quali scelte effettuare per organizzare al meglio la propria attività , scegliere e formare i collaboratori, sviluppare business ed essere protagonista del nuovo mercato professionale. Strumenti, tecniche, principi di soft skills, coaching e comunicazione per offrire un manuale agile e completo da tenere con sè come carta nautica giorno dopo giorno. Autore Mario Alberto Catarozzo è formatore e coach con una lunga esperienza sui temi della comunicazione, negoziazione, leadership, crescita personale e professionale. Svolge attività di formazione e coaching per studi professionali, liberi professionisti e manager impegnati in processi di sviluppo e cambiamento.

Collaboriamo con

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le nostre promozioni fatte su misura per te

    QUESTO SITO È PROTETTO DA RECAPTCHA E LA PRIVACY POLICY E TERMS OF SERVICE DI GOOGLE.

    Mario Alberto Catarozzo

    Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (Internationale Coach Federation), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti (soft skills) e aziende.
    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzato nel mercato dei liberi professionisti e studi professionali dell’area giuridica-economica: avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti, manager e imprenditori. Sono CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business e da oltre 20 anni mi occupo di comunicazione ed editoria (sono stato manager in Maggioli Editore e Il Sole 24 Ore). Ho conseguito la qualifica di Licensed NLP Coach™ rilasciata dalla Society of NLP di Richard Bandler (USA) e ho due specializzazioni: Team Coach Professionista e Life Coach Professionista. Ho due livelli di specializzazione in PNL, Practitioner e Master Practitioner. Presso la STC Nardone Group mi sono formato in Problem Solving e Coaching Strategico®. Speaker al TEDxModena e al Philip Kotler Marketing Forum, collaboro con diverse Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulle tematiche soft skills e strumenti di managerialità. Sono direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore, dedicata alle soft skills e strumenti di managerialità per professionisti e studi professionali, e autore di diverse pubblicazioni in tema di soft skills e crescita personale e professionale. Sono Associate Certified Coach (ACC), presso la International Coach Federation (ICF) e Coach Professionista Associato AICP (Associazione Italiana Coach Professionisti).

    Luciana Lauber

    Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
    Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
    Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, sono specializzata nel mercato degli studi professionali: per anni sono stata General Manager di Studi Legali Internazionali. Mi sono occupata di start-up, in Italia e all’estero, e di percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. Sono specializzata in Organizzazione e Marketing. 
    Da Gennaio 2020 sono Responsabile del Business Development per il coordinamento delle attività strategiche di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione per il mondo business.
    Ho conseguito la qualifica di Professional Coach e Team Coach riconosciuta da ICF (International Coach Federation) e ho conseguito inoltre il Practitioner in PNL (Unicomunicazione Srl NLP Italy School).