La consapevolezza di sé in una vita di pensieri

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Indice dei contenuti

COME PENSA LA NOSTRA MENTE?

Pensiamo sempre, pensiamo troppo e pensiamo male.
Questa potrebbe essere la sintesi di molte giornate di ciascuno di noi. Nel mondo occidentale l’educazione familiare, poi scolastica, poi sociale ci ha insegnato a pensare e spesso a pensare tutti allo stesso modo.

I METAPROGRAMMI

La nostra mente produce pensieri grazie a metaprogrammi, cioè schemi che abbiamo appreso nella nostra vita: a scuola, in famiglia, nelle relazioni. Quella che noi chiamiamo identità è in realtà la somma dei nostri pensieri che determina i nostri comportamenti. Questi comportamenti diventano, una volta ripetuti, abitudini e ci convinciamo di essere fatti così, di avere quel carattere.

Ma ne siamo proprio sicuri?

Non stiamo forse confondendo il carattere con l’indole, cioè il marchio di fabbrica, frutto di DNA, quello sì immodificabile? Ci convinciamo di tante cose e viviamo di convinzioni, pregiudizi, abitudini: metaprogrammi, appunto. Non ce ne accorgiamo perchè sono come i software di un computer, i file di sistema e in quanto tali vengono prima dei pensieri.


ASCOLTA ANCHE:

C’è speranza di cambiare carattere? Intervista su Radio Capital


DIVENTARE CONSAPEVOLI: METACOGNIZIONE

La capacità di accorgersene e di saperli vivere si chiama metacognizione. Diventare consapevoli di come pensiamo, degli schemi mentali che siamo abituati ad utilizzare e degli schemi di comportamento che agiamo è la vera chiave di volta.

A differenza dei pensieri, culturalmente appresi, noi siamo fatti anche di emozioni.

Mentre i pensieri e la ragione è frutto della cultura che abbiamo assorbito, le emozioni sono innate in noi e in particolare determinate facoltà, come il sesto senso o intuito è una facoltà che non viene condizionata dalla cultura.
Questa ci protegge, ci indica la via utile per noi, solo che non siamo abituati a sentirla e tantomeno a seguirla.

Impareremo nel corso ZERO LIMITI come riconoscere e nutrire il sesto senso, le emozioni, l’intuito e come modificare i metaprogrammi che spesso ci legano e ci vincolano, invece di aiutarci a realizzarci.

Per iscriverti a ZERO LIMITI vai al seguente seguente link: ti aspettiamo!


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: Paura del giudizio? Si può vincere


Risorse correlate

Mario Alberto Catarozzo

Mario Alberto Catarozzo è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzato nel mercato dei liberi professionisti e degli studi professionali dell’area giuridica-economica (avvocati, notai, consulenti del lavoro, commercialisti), dei manager e degli imprenditori. Founder PartnerCEO di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo del business, lavora da oltre 25 anni nel mondo delle professioni ed è Coach certificato ICF (PCC, Professional Certified Coach), con specializzazione in PNL (Practitioner e Master Practitioner), Problem Solving e Negoziazione. Speaker in diversi programmi radio e podcast, è direttore di collana e autore di manuali e saggi. Collabora con Università, Ordini professionali e Associazioni di categoria sulla formazione manageriale e imprenditoriale per professionisti e aziende.

Luciana Lauber

Luciana Lauber è Formatore, Business Coach professionista e Consulente specializzata nel mercato degli studi professionali: per 20 anni General Manager di Studi Legali Internazionali, specializzata in start-up in Italia e all’estero e in percorsi di carriera all’interno degli studi professionali. 
Da Gennaio 2020 PartnerGeneral Manager di MYPlace Communications, società dedicata alla consulenza, formazione e marketing per il mondo business.
Professional Coach e Team Coach ICF (International Coach Federation) nonché Practitioner in PNL, con specializzazione in Consulenza Organizzazione e Marketing.