Condividi

Business e Passione viaggiano molto spesso insieme

  • Marketing e sviluppo business

Indice dei contenuti

“Stay hungry, stay foolish”, così esortava Steve Jobs. “Siate affamati, siate folli.” Queste parole risuonano come un mantra per chi cerca di dare un significato autentico all’esistenza: una passione che arde e spesso sfiora la follia o la maniacalità. È quella scintilla che si accende dentro di noi ogni mattina, che ci scalda, ci energizza e ci spinge a superare i limiti. Non solo il cuore, ma l’intero essere si lancia oltre l’ostacolo, inseguendo poi se stesso per ricomporsi e ritrovare la piena integrità e soddisfazione che dà forma alla nostra vita.

Ascoltate questa storia, perché in questi tempi ascoltare narrazioni di gesta eroiche che si trasformano in imprese grandiose è più che mai rigenerante.

TUTTO PARTE DA UNA IDEA

Immaginate di prendere una bicicletta, rimuoverne i pedali e inserire un piccolo motore nel telaio a V. Questo semplice atto di ingegnosità ha dato vita alla prima Harley Davidson nel 1901, un marchio che diventerà sinonimo di leggenda motociclistica. La storia racconta che i fondatori, William Harley e Arthur Davidson, ricorsero a una scatola di pomodori in latta per forgiare il loro primo carburatore. Da questa immagine di inventiva, si può trarre ispirazione per ogni impresa che aspira a lasciare un’impronta nel mondo.

A Milwaukee, questi due giovani ventenni, appassionati di meccanica, si dedicavano al loro sogno in un umile garage di famiglia. Con l’ambizione e pochi soldi, hanno seguito le orme di altre leggende come Apple e Microsoft, dimostrando che le grandi storie americane spesso iniziano con poco più di un’idea e una passione sfrenata.

Il loro primo prototipo, un ibrido tra una bicicletta e una motocicletta, ha segnato l’inizio dell’epopea Harley Davidson, che ufficialmente prende corpo nel 1903. Nonostante un avvio lento, con solo tre moto vendute nel primo anno, la tenacia e la visione dei fondatori non hanno conosciuto ostacoli.

LA COSTANZA FA IL RESTO

La Harley-Davidson Motor Company ha vissuto il suo boom con l’introduzione del motore bicilindrico a V nel 1909, una caratteristica ancora distintiva dei loro modelli. L’impresa ha dimostrato di saper reinventarsi e adattarsi, soprattutto di fronte alla concorrenza giapponese degli anni ’70. Hanno trasformato i loro difetti in punti di forza, enfatizzando l’“anima” delle loro moto, quell’essenza che si sente quando si guarda una Harley, quando si è in sella, un senso di connessione non solo con la macchina, ma con la storia stessa.

Dai campi di battaglia della Seconda Guerra Mondiale ai cult cinematografici come “Easy Rider” e “Un’ottima annata”, Harley-Davidson ha attraversato e modellato l’immaginario collettivo, rimanendo un’icona non solo americana, ma globale.

È IL MOMENTO DI AGIRE

Allora, come si può rimanere seduti dietro una scrivania dopo aver assaporato una storia del genere? Le Harley-Davidson, dopo tutto, non sono solo moto; sono un invito a vivere, a sperimentare, a sentire ogni curva della strada e ogni battito del cuore. Sono un richiamo alla passione che ci fa sentire vivi, che ci spinge a superare gli ostacoli e, soprattutto, a sognare senza confini.

Ritrovate la passione per un progetto che vi fa battere il cuore se l’avete persa e dedicatevi senza risparmio, i risultati arriveranno!

Vuoi acquisire nuove competenze manageriali?

Scopri il nostro percorso MASTER IN BUSINESS
10 giornate di formazione in webinar live

RICONOSCIUTI N. 20 CREDITI FORMATIVI PER CDL

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

Leggi anche: “Non esistono fallimenti, solo feedback

Mario Alberto Catarozzo - Founder Partner & CEO MYPlace Communications

In evidenza

Risorse correlate

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

    Mario Alberto Catarozzo

    Formatore, Business Coach professionista e Consulente, è specializzato nell’affiancare professionisti, manager e imprenditori nei progetti di sviluppo e riorganizzazione.
    È fondatore e CEO di MYPlace Communications, società dedicata al marketing e comunicazione nel business. Nella sua carriera professionale è stato dapprima professionista, poi manager e infine imprenditore. Per questa ragione conosce molto bene le dinamiche aziendali e del mondo del business. Si è formato presso le migliori scuole di coaching internazionali conseguendo le maggiori qualifiche del settore.
    Collabora con Enti, Istituzioni e Associazioni professionali e di categoria e lavora con aziende italiane e internazionali di ogni dimensione, dalle pmi alle multinazionali.
    È autore di numerosi volumi dedicati agli strumenti manageriali e di crescita personale e professionale. È direttore della collana Studi Professionali di Alpha Test Editore e autore de “Il Futuro delle professioni in Italia” edito da Teleconsul editore.
    Professional Certified Coach (PCC), presso la International Coach Federation (ICF).
    Per sapere di più sulle attività di formazione, coaching, consulenza e marketing visita i siti:

    .
    Per info e contatti: coach@mariocatarozzo.it.